Ragazza di colore discriminata in spiaggia: denunciato l'ex gestore di Punta Canna

È successo a Sottomarina. L'uomo è accusato di violenza privata, discriminazione e apologia di fascismo. Lui nega: «Niente razzismo, erano solo frasi goliardiche»

Un uomo di 66 anni, Gianni Scarpa, ex gestore dello stabilimento Punta Canna, è stato denunciato dai carabinieri per aver discriminato una ragazza di colore sulla spiaggia, tanto da convincerla ad andarsene. È successo il pomeriggio di Ferragosto a Sottomarina, proprio nel tratto di Punta Canna: l'uomo si trovava nello stabilimento da normale frequentatore e, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe attuato «ripetuti comportamenti discriminatori» nei confronti della ragazza, accompagnandosi con musiche e frasi diffuse tramite apparati acustici e un megafono. Alla fine la donna, che abita nella provincia di Padova ed è nata in Italia da genitori originari dell’Africa occidentale, ha lasciato la spiaggia. Con lei c'era anche un'amica.

La risposta di Scarpa: «Macché razzismo»

Una volta allontanatasi, la ragazza ha chiamato il 112 e riferito la vicenda. Una pattuglia del Nucleo operativo e radiomobile di Chioggia è intervenuta sul posto, ha verificato l'accaduto e, al termine degli accertamenti, i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà il 66enne, che abita a Mirano e che da tempo non gestisce più la spiaggia: è accusato di violenza privata aggravata da finalità di discriminazione razziale, ingiuria e apologia del fascismo. Scarpa ha respinto le accuse con decisione: «Ma quale razzismo, qui ci viene un sacco di gente di colore. C'era una festa, abbiamo bevuto e ci siamo divertiti. Io sono salito sulla torretta e al megafono ho dichiarato la mia stima per Salvini e la Meloni, ma era tutto in tono goliardico. Quella ragazza evidentemente si è sentita offesa, quando sono sceso è venuta da me e mi ha insultato. Poi se n'è andata».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I precedenti

Del 66enne denunciato si era parlato molto due estati fa in seguito ai servizi di cronaca in cui era emerso ciò che succedeva a Punta Canna: cartelli inneggianti a Mussolini, "comizi" in riva al mare, messaggi discriminatori diffusi tramite gli altoparlanti. La vicenda aveva avuto uno strascico giudiziario, ma le indagini per apologia di fascismo erano state archiviate; dopodiché la società che ha in concessione quel tratto di spiaggia aveva deciso di non rinnovare la collaborazone con Scarpa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento