Una discarica di rifiuti speciali sequestrata a Chioggia, due persone denunciate

È un'area di 6mila metri quadri in cui era stato abbandonato materiale di vario genere, tra cui amianto e pneumatici

Nei giorni scorsi il personale aeronavale della guardia di finanza ha sequestrato, nel territorio di Chioggia, un’area di 6mila metri quadri di terreno e tre immobili in rovina, adibiti a deposito incontrollato di rifiuti speciali. Nell'area sono stati trovati vecchi pneumatici - anche interrati in una ex vasca del letame - nonché numerose coperture in amianto in stato di avanzata decomposizione.

La discarica improvvisata è stata individuata dall'elicottero della Finanza e si trova in prossimità dell’argine del fiume Bacchiglione, in località Ca' Grassi, nei pressi di Ca' Bianca. In uno degli edifici sono stati trovati numerosi sacchi in plastica contententi residui di anticrittogramici ed idrocarburi. Tutta l’area sarà oggetto di analisi da parte del personale Arpav, che provvederà alla caratterizzazione dei rifiuti in modo da stabilirne il corretto smaltimento e definire il danno ambientae. Due persone sono state denunciate a piede libero quali responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento