Solidarietà in corsia a Portogruaro: tv, giochi e barella in aiuto al reparto di Pediatria

Giovedì mattina la consegna del materiale a favore del reparto da parte dell'associazione "Amici di Christian" e dal gruppo "Mamme di Bibione". Presente il dg dell'Ulss 10 Bramezza

“Le donazioni hanno una doppia valenza: l’utilità per chi andrà ad utilizzarle ma anche un riconoscimento importante per l’attività svolta sul territorio”. Con queste parole il direttore generale Carlo Bramezza, assieme al dottor Franco Laterza e al personale infermieristico, giovedì mattina ha ricevuto due donazioni destinate al pronto soccorso di Portogruaro. Entrambe sono state finalizzate alla cura degli utenti più piccoli: una televisione e dei giochi donati dal “Gruppo mamme di Bibione”, già posizionati nella sala d’attesa pediatrica, mentre l’associazione “Il cerchio – Amici di Christian”, di Valvasone (Pordenone), ha donato una barella spinale pediatrica, due zaini pediatrici, un otoscopio e un carrello fornito di materiale da utilizzarsi nei casi di soccorso a bambini traumatizzati.

“Questa donazione è nata grazie alla collaborazione e all'intervento di alcuni infermieri del pronto soccorso di Portogruaro ad alcune nostre iniziative, in primis il torneo di calcetto su un campo circolare nel 2015 – spiega Andrea Castellan dell’associazione Amici di Christian -. La scelta del materiale e delle ditte referenti è stata demandata al personale del pronto soccorso, che in piena autonomia e libertà ha analizzato le caratteristiche tecniche e scelto ciò che era più utile”

"Da sempre in questa unità operativa c’è la massima attenzione sul fronte del trattamento del dolore – ha puntualizzato il primario Franco Laterza – il quale non si ottiene solo con medicinali ma anche con strumenti come questi, di distrazione, di svago”. In caso di assistenza a neonati o a bambini in età pediatrica, l’unità di soccorso di Portogruaro attiva un protocollo che prevede l’ingresso immediato e il trasferimento del piccolo paziente direttamente in pediatria. In tal modo vengono abbattuti i tempi d’attesa, d’intervento e di disagio per il bambino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con i suoi 32mila accessi all’anno questa unità operativa svolge una notevole attività e queste donazioni contribuiscono a migliorare il servizi erogato – ha concluso Bramezza -. Mentre altre aziende sanitarie ridimensionano le proprie strutture, noi stiamo potenziando l’ospedale di Portogruaro: mi riferisco all’apertura della Chirurgia Vascolare, all’acquisto di nuove diagnostiche per la radiologia, alla ristrutturazione dell’edificio, all’orario prolungato delle sale operatorie e molto altro. Così come verrò fatto per la riapertura del punto nascite non appena sarà in sicurezza. Vogliamo, e lo dobbiamo all’utenza, fare le cose bene per fornire un servizio di eccellenza alla cittadinanza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento