Spaccia marijuana a 15 anni, arrestata. Droga: 28 segnalati alla prefettura

La giovane gestiva un piccolo giro di spaccio a Venezia. A Caorle due arresti e quattro denunce

I controlli a Caorle

Cento grammi di marijuana, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e 300 euro in contanti. E' quello che hanno trovato lunedì pomeriggio i carabinieri a casa di una 15enne veneziana, E.G., che è stata arrestata. La giovane, che vive alla Giudecca, secondo gli investigatori sembra che gestisse una piccola piazza di spaccio in centro storico. Attualmente si trova agli arresti domiciliari in attesa dell'udienza di convalida, dopo la quale potrebbe essere disposto il collocamento in comunità. 

28 segnalati alla prefettura

Ma la 15enne non è stata l'unica a finire nei guai in questi giorni. Nelle ultime due settimane i carabinieri di Caorle hanno segnalato alla prefettura 28 giovani, tra i 17 e i 35 anni (undici i minorenni), per consumo di droga. Con l'inizio del periodo clou della stagione turistica sono aumentati anche i controlli e le persone identificate sono state centinaia. I segnalati per lo più detenevano marijuana e hashish, ma non sono mancati casi di possesso di cocaina e anche metadone. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due arresti e quattro denunce

Due gli spacciatori arrestati – un 22 enne italiano e un 18enne albanese – e quattro quelli denunciati, con il sequestro circa 70 grammi di marjuana e hashish e 16 grammi di cocaina. Per i 28 che sono stati, invece, segnalati ci sarà la convocazione presso le rispettive prefetture per l’applicazione delle sanzioni amministrative previste – come la sospensione della patente, della licenza di porto d'armi, del passaporto e di ogni altro documento equivalente o del divieto di conseguire tali documenti – e, laddove ve ne siano i presupposti, per l’avvio di un programma terapeutico presso le aziende sanitarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

  • Auto fuori strada, morto un uomo

  • Lite finisce nel sangue: 37enne accoltella l'ex suocero

Torna su
VeneziaToday è in caricamento