menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

La madre non dà i soldi per la droga, 38enne spara nel petto al cugino

Il giovane è accorso in difesa della donna, 80enne, dal tossicodipendente, che ha usato un'arma ad aria compressa. L'aggressore è stato denunciato per lesioni aggravate e maltrattamenti

Non era la prima volta che succedeva. Sempre per i soldi, sempre per la droga. Un 38enne mestrino, residente in via Martiri di Marzabotto, verso le 19e30 di ieri è andato su tutte le furie nei confronti della madre 80enne, "rea" di non volergli prestare dei soldi. La donna, probabilmente esasperata dalle continue richieste economiche del figlio, aveva opposto un netto rifiuto. Sapeva dove e soprattutto in cosa sarebbero stati spesi.

 

Ma il tossicodipendente non voleva sentire ragioni. Al punto che è dovuto accorrere in aiuto il nipote della donna, un 31enne, che ha separato i due litiganti. In tutta risposta il 39enne ha preso una pistola ad aria compressa e ha sparato nel petto del giovane, che si è ferito con i pallini. A questo punto ne è scaturita una violenta collutazione, al termine della quale entrambi sono finiti al pronto soccorso per farsi medicare le ferite riportate. La baraonda si è conclusa grazie all'intervento dei poliziotti, che hanno denunciato in stato di libertà il 38enne per lesioni aggravate e maltrattamenti in famiglia.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      E' stata la volpe. Il responso degli esami sugli animali morti: "Ci sono solo ferite da morso"

    • Cronaca

      Nuovo raid all'oasi di Spinea, ritorno nella notte per "finire il lavoro". Altri animali uccisi

    • Cronaca

      Allarme bomba all'aeroporto di Venezia, ma erano delle canne da pesca

    • Cronaca

      Oltre cento animali massacrati all'oasi di Spinea, in corso indagini dei carabinieri

    Torna su