Tentano di rapinare due 17enni in poche ore, presi i banditi

I fatti la scorsa settimana. Due malviventi hanno intimato alle vittime minorenni di consegnare loro il denaro mostrando una pistola finta

Polizia ferroviaria, archivio

Hanno fatto credere alle loro giovani vittime di avere una pistola per indurle a consegnare il denaro. Si tratta di due malviventi, di origine nordafricana, che si sono avvicinati prima a un diciassettenne, diretto a Mestre nella mattina del 7 agosto scorso, e qualche ora più tardi a un giovane della stessa età a San Donà di Piave. Individuati grazie alle telecamere, i malfattori sono stati trovati e denunciati dalla polizia ferroviaria.

Il primo tentativo

Il primo minorenne, verso le 9.45, stava percorrendo la passerella pedonale del cavalcaferrovia che da Marghera porta a Mestre, ed è stato avvicinato dai due. Con la scusa di chiedergli se avesse un accendino lo hanno fermato e hanno mostrato una pistola che uno teneva infilata nella cinta dei pantaloni, nascosta sotto la maglia. Hanno ordinato al ragazzo di consegnare il denaro in suo possesso. Il malcapitato ha detto di non avere nulla e si è dato alla fuga verso la stazione di Mestre dove, raggiunti gli uffici della polizia, ha raccontato l’accaduto.

La denuncia

Qualche ora dopo, a San Donà di Piave, un altro giovane diciasettenne è stato vittima di un tentativo di rapina attuato allo stesso modo. La vittima, al momento della denuncia, ha dato una descrizione dettagliata dei due malfattori. Gli agenti della polizia ferroviaria sono riusciti a individuare, analizzando le immagini delle telecamere di videosorveglianza della stazione di Mestre, due malviventi compatibili con la descrizione. La diffusione della notizia della ricerca, e le immagini, hanno permesso alle forze dell'ordine di risalire all'identità dei responsabili delle tentate rapine. Gli agenti della Polfer di Portogruaro li hanno infine rintracciati a casa e li hanno denunciati in stato di libertà. I due hanno ammesso le loro responsabilità consegnando la “pistola” in plastica utilizzata a scopo di intimidazione.

Potrebbe interessarti

  • Consigli anti stress per il rientro dalle vacanze

I più letti della settimana

  • Gita in pedalò, entra in acqua e non riemerge: 23enne recuperato morto

  • Schianto auto-moto, due all'ospedale. Bloccato l'autista, guidava ubriaco

  • Schianto in autostrada, morta una 22enne

  • Incidenti sul Passante: una Ferrari incastrata sotto un camion

  • Scivola e batte la testa, escursionista veneziano portato all'ospedale

  • Un bambino salvato sulla spiaggia a Jesolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento