Nasce il "Giardino di Davide": libri e musica per i pazienti dell'Ematologia dell'Angelo

Iniziativa nell'ospedale di Mestre dedicata alle persone in cura per patologie del sangue. È stato voluto dalla signora Monica, mamma di Davide Costantini, deceduto in quel reparto

Da oggi c’è un luogo, all’ospedale dell’Angelo, dedicato a chi è in cura per gravi patologie del sangue, ed ha bisogno di un momento proprio. Si chiama “Giardino di Davide”, ed è stato voluto dalla signora Monica, mamma del giovane Davide Costantini, a lungo assistito e infine deceduto nell’Ematologia del nosocomio mestrino. Si tratta di uno spazio allestito ed arredato ad hoc, attiguo al reparto diretto dal dottor Renato Bassan. Ospita un morbido “dondolo”, una libreria, un impianto audio per la musica, un tavolino per conversare o per leggere. Condizionato e riscaldato, si affaccia su ampie vetrate al quinto piano dell’ospedale, con una bellissima vista sulla campagna, con le montagne sullo sfondo. Nelle intenzioni della signora Monica e del Reparto, “il ‘Giardino di Davide’ vuol essere uno spazio di pace e serenità per chi, com’è accaduto a Davide, si troverà ad affrontare una importante patologia ematologica: “Sarà il luogo in cui cercare un po’ di riposo per la mente e il cuore – ha sottolineato la signora Monica – e ripartire con fiducia sulla strada che porta alla guarigione”.

"Un ragazzo forte e umile"

La mamma di Davide, che insieme ai familiari ha voluto questo luogo nuovo, ricorda il figlio come “una creatura straordinaria, che Dio ha voluto affidarmi, un ragazzo bello, con un cuore grande e un’umiltà pari al suo sorriso”. Farmacista ricercatore, innamorato del suo lavoro, Davide ha scoperto la malattia nel 2011, e da allora fino alla morte, avvenuta alcuni mesi dopo, l’ha affrontata con determinazione: “Ricordo la sua forza, il desiderio di guarire – dice la mamma – e l’affidarsi completamente ai medici, agli infermieri e a tutti quelli che gli dedicavano tempo, professionalità e sostegno. Lui ricambiava tutto questo con tanto rispetto e affetto. Per questo sono sicura che è stato lui ad ispirarmi l’idea di uno spazio dedicato qui nell’Ematologia dell’Angelo, accolta con gioia da tutti e realizzata davvero in eccellenza. Non desidero assolutamente che sia una celebrazione o una memoria di mio figlio: sì, è vero, a lui è dedicata; ma l’obiettivo vero è la concretezza di una iniziativa utile, spendibile, a disposizione di chi ne sente il bisogno; è una piccola cosa, è una goccia nel mare, ma ‘se non ci fosse, il mare ne risentirebbe’, per dirlo con le parole di madre Teresa di Calcutta”.

"Un luogo a misura di persona"

“Desidero ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questo luogo – ha sottolineato il direttore dell’Ulss 3 Serenissima, Giuseppe Dal Ben, inaugurando lo spazio insieme alla signora Monica e al primario –. Iniziative come queste stupiscono per come, con volontà e lavorando insieme, si riesca a cambiare radicalmente il volto dell’ospedale. Rompere gli schemi, umanizzare gli spazi, trasformare i corridoi in luoghi di aggregazione: non è facile, ma è importante farlo, e dimostrare così che l’ospedale può essere un luogo sempre più a misura di persona”. Un grazie, nell’occasione, è andato anche alle associazioni di volontariato impegnate in reparto a sostegno dei pazienti. 

Potrebbe interessarti

  • Lenzuola: ogni quanto vanno cambiate e perché

  • I consigli per una lavastoviglie pulita e senza cattivi odori

  • Puntura di medusa: cosa fare? Verità e falsi miti

  • Rifiuti ingombranti a Venezia: una guida su come eliminarli

I più letti della settimana

  • Schianto frontale tra un'auto e un autobus: due morti e feriti gravi sulla Triestina

  • Marito e moglie morti in un incendio divampato in casa

  • Auto fuori strada finisce nel canale, perde la vita un 23enne

  • Fuori strada in moto, morto un ragazzo

  • Trovato morto nella sua auto a 24 anni: sospetta overdose

  • Malore improvviso, muore un ragazzo di 17 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento