Vento "all'attacco" del Litorale, ma per difenderci c'è solo un'autoscala

Decine le chiamate ai vigili del fuoco per i danni provocati dall'impetuosa bora che spira da ieri sera. Per cornicioni, finestre, lampioni e alberi "a rischio" c'è solo un veicolo adatto disponibile

Il vento impetuoso di queste ore sta mettendo in seria difficoltà tutti i comuni del litorale veneziano. Decine le chiamate ai vigili del fuoco e altrettanti gli interventi per cui i pompieri sono dovuti uscire. Non si registrano feriti, ma una criticità difficile da capire in questa emergenza annunciata sì: i vigili del fuoco si trovano a fronteggiare la loro giornata "di passione" con un solo mezzo autoscala disponibile.

Le richieste d'aiuto odierne riguardano soprattutto operazioni di soccorso in cui è necessario arrivare a certe altezze. Per esempio per sistemare cornicioni pericolanti, come a Portogruaro, o una finestra che potrebbe cadere giù, come segnalato stamattina nel litorale nord, oppure, ancora, per mettere in sicurezza un lampione "a rischio" a Chioggia. Alcune di questi interventi, per necessità, sono stati messi "in coda" in attesa di avere i mezzi disponibili. Cioè "il" mezzo disponibile. Le altre due autoscale, infatti, in questo momento sono fuori uso. Una da tempo è in officina per delle riparazioni, l'altra ha dato forfait negli scorsi giorni.

Per sopperire all'emergenza di queste ore sono stati impegnati anche i volontari di Udine, Latisana, Mestre, Cavarzere e Chioggia. Un "esercito" di uomini per riuscire a risolvere tutti i problemi nel più breve tempo possibile. Segnalati anche incendi di sterpaglie immediatamente rinvigoriti dalla bora e dal clima secco, che favorisce il loro attecchimento, rami pericolanti, intonaci e calcinacci volati via. Inevitabili i problemi alle coperture di capannoni e fabbricati.

Nella tarda serata c'è stata anche una mareggiata a Chioggia. I vigili del fuoco sono intervenuti dopo che alcuni abitanti avevano segnalato che l'acqua aveva raggiunto le abitazioni. Nella notte poi è suonata la sirena di allarme per l'acqua alta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento