Crisi Eni - Versalis, lavoratori e Regione a una sola voce: "Intervenga il presidente Renzi"

Chiedono che il governo assuma la regia nella vicenda delle vendite del colosso. È il risultato del tavolo di giovedì tra Donazzan, sindacati, Confindustria e Comune di Venezia

Tocca al governo convocare Eni-Versalis a un tavolo nazionale e assumere la regia del confronto: questo, in sostanza, è ciò che emerge dall'incontro di giovedì convocato per dicutere, ancora una volta, del futuro del colosso a Porto Marghera e di conseguenza del futuro di tutta l'area. "Vogliamo capire se il settore della chimica è una infrastruttura strategica del nostro paese anche per il governo, così come lo è per le tre regioni più industrializzate d’Italia, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna": così l’assessore al Lavoro della Regione Veneto, Elena Donazzan, ha concluso l’incontro con i sindacati confederali, Confindustria e il Comune di Venezia. "Credo sia opportuno e doveroso - incalza l’assessore - un segnale chiaro di indirizzo del governo verso Eni. Sinora ai tavoli sulla chimica è spiccata netta l’assenza dei vertici dell’ente".

La Regione Veneto, inoltre si impegna, insieme a Lombardia ed Emilia Romagna, a chiedere ai vertici Eni e all’amministratore delegato di Eni-Versalis un incontro a Porto Marghera, nello stabilimento capofila della filiera chimica per i poli produttivi di Mantova, Ferrara e Ravenna. L'obiettivo è avere certezza sul piano industriale e sugli investimenti nel ramo chimico dell’ente nazionale e avere conferme sugli impegni assunti da Eni-Versalis in occasione del recente incontro a Roma alla presenza del ministro Federica Guidi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella sede di Veneto Lavoro erano presenti le sigle sindacali Femca Cisl, Filctem Cigil e Uiltec Uil, oltre a Confindustria e al Comune di Venezia rappresentato da Paolino DAnna, Dennis Wellington e Maurizio Vezzà. È stata ribadita la necessità che venga realizzato, da parte di Eni e Versalis, "il piano industriale fondato sul rilancio del settore chimico, che preveda il rispetto degli accordi sottoscritti e degli investimenti sulla chimica verde, la ricerca, la riconversione produttiva e il consolidamento del cracking locale e delle attività della logistica". Le parti concordano sull'importanza di una soluzione positiva della vicenda Eni-Versalis "in una logica di rilancio e sviluppo di un piano industriale sostenibile, che garantisca investimenti e occupazione nonché per il rafforzamento della competitività e della sostenibilità della chimica in Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Moda e calzature in ginocchio

  • Addio a Carlotta, morta nel sonno a 13 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento