La truffa corre veloce sul web: da un raggiro a Murano scoperti 98 "pacchi" in tutta Italia

Una giovane isolana aveva denunciato ad aprile 2017 il mancato recapito di una macchina fotografica. Attraverso utenze telefoniche e telecamere denunciati in concorso 4 catanesi

Le indagini sono scattate a Murano, nel momento in cui una giovane ha denunciato una presunta truffa nei suoi confronti: aveva inviato i soldi per acquistare una macchina fotografica dal valore di qualche centinaio di euro, ma il prodotto alla fine non è mai giunto in laguna. I contanti, invece, sono stati intascati. Per questo motivo la ragazza muranese ha raggiunto la stazione dell'Arma sull'isola nell'aprile 2017 e ha raccontato tutto. 

Le indagini

Dai dati di conto e dai messaggi che si era scambiata con l'inserzionista sono partite le indagini, che hanno permesso a distanza di pochi mesi di ricostruire 98 raggiri via web (fino a febbraio di quest'anno) e di denunciare per truffa aggravata e continuata in concorso quattro cittadini residenti nella provincia di Catania: M.S., 44enne, M.M., 23enne, R.S., 30enne, e L.G., 42enne. Non si tratta di incensurati: tutti avevano precedenti per episodi simili. Pubblicavano online svariati annunci di vendita di prodotti commerciali, puntando soprattutto su quelli tecnologici e sugli elettrodomestici, ma una volta ricevuta la caparra o il pagamento in toto della merce, sparivano nel nulla. 

Il comando di compagnia a San Zaccariacarabinieri venezia ok-6

Accertamenti su conti correnti e utenze

Gli accertamenti dell'Arma si sono concentrati sui conti correnti indicati dagli inserzionisti e sulle utenze telefoniche utilizzate: grazie alle telecamere di sorveglianza di alcuni sportelli bancomat, dove sono stati incassati i proventi delle truffe, sono stati identificati i quattro. "L’attività investigativa ha coinvolto più di 50 comandi dei carabinieri in tutta Italia - si dichiara in una nota - il danno alle vittime ammonta a circa 30mila euro".

Non il primo caso del genere

Non la prima volta che cittadini muranesi denunciano raggiri di questo genere: pochi mesi fa erano stati denunciati due truffatori calabresi che, tramite un noto portale, avevano messo in vendita oggetti per cellulari e motori per barche, oltre a elettrodomestici e ciclomotori. Tutto mai recapitato. Pochi giorni prima, invece, era stato smascherato un truffatore seriale napoletano che aveva puntato su abbigliamento e pelletteria per ingolosire i possibili acquirenti da ingannare. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scontro tra ferry boat e un peschereccio

  • Cronaca

    Rinasce il mercato turistico del Tronchetto, primo step della riqualificazione dell’area | VD

  • Mestre

    «Dobbiamo controllare il contatore»: anziana truffata e derubata di 10mila euro

  • Cronaca

    Rete elettrica, avviata la rimozione dei conduttori nel Vallone Moranzani

I più letti della settimana

  • Pizzo, droga, prostituzione: come la camorra ha conquistato il Veneto orientale

  • Colpo alla camorra in Veneto, arrestato anche il sindaco di Eraclea. Sequestri per 10 milioni

  • Voti dalla camorra in cambio di favori: arrestato Mirco Mestre, sindaco di Eraclea

  • Incidente all'alba: morto un 19enne. Ferito un giovane di Scorzè

  • Un male incurabile se la porta via a 34anni, si era trasferita da poco a Noale

  • Venezia, chiuso il locale "Ai Biliardi" per disturbo della quiete pubblica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento