Cambiano la cucina di casa, intera famiglia intossicata a San Donà

Quattro persone sabato mattina sono state trasportate al centro di medicina iperbarica di Marghera. L'allerta è poi tornata sotto controllo

Un sabato che doveva essere tranquillo si è tramutato in una richiesta d'aiuto e in un trasferimento d'urgenza all'ospedale Dell'Angelo di Mestre. Una intera famiglia residente in via Monza a San Donà in un edificio a tre piani, infatti, ha dovuto lasciare la propria abitazione per una sospetta intossicazione da monossido di carbonio. Genitori e due figli sono stati portati al centro di medicina iperbarica dell'Ulss 12 a Marghera per dei trattamenti. In modo da tenere sotto controllo la situazione.

L'unica persona ad avere dei veri sintomi di intossicazione è stato il capofamiglia, su cui si sono concentrati maggiormente gli accertamenti dei sanitari. Entro la serata, poi, il ritorno a casa.

A causare il problema con ogni probabilità una canna fumaria dell'appartamento in cui confluivano i tubi di una vecchia caldaia e di una cucina cambiata di recente. I fumi di quest'ultima, infatti, sarebbero rientrati nell'abitazione saturando gli spazi. Sul posto i vigili del fuoco, per stabilire se sia il caso o meno di pernottare da subito nella casa lasciata in fretta e furia qualche ora prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • L'acqua alta cancella anche la musica, sommersa la biblioteca del Conservatorio Benedetto Marcello

  • Investito da un camion, ciclista muore a Fiesso d'Artico

  • Cocaina fuori dal locale e in casa: coppia in manette a Mirano

  • Giovani investiti da un treno mentre camminano lungo i binari: lui grave

  • Portata nei bagni della discoteca e violentata, la denuncia di una 18enne

Torna su
VeneziaToday è in caricamento