Gli versa addosso una pentola piena di acqua bollente, forse un atto di folle gelosia

L'aggressione martedì a Musile. Un 47enne, arrestato per motivi passati, è ora in prognosi riservata a Padova. In manette il 31enne connazionale che lo ospitava assieme alla moglie

Si è presentato al pronto soccorso in condizioni gravissime, con ustioni di secondo grado su buona parte del corpo. Al termine degli accertamenti si è capito che i traumi erano stati dovuti a un'aggressione, e non magari a un incidente domestico. E' quanto accaduto a L.M.Z., un 47enne cinese che presentava ustioni oltre che sul corpo anche al volto. Un personaggio inserito all'interno del database del ministero dell'Interno poiché raggiunto da un ordine di carcerazione dal 2011. Era ricercato dunque da cinque anni e non sorprende che in ospedale si sia presentato senza documenti. I carabinieri della compagnia di San Donà l'hanno identificato grazie alle impronte digitali: il 47enne era stato condannato a 6 anni di reclusione per atti sessuali nei confronti di minori.

Stavolta, però, era lui la vittima di un reato. I militari dell'Arma hanno raccolto la sua testimonianza, ricostruendo passo passo ciò che era accaduto. Secondo il suo racconto, il 47enne sarebbe stato aggredito da Y.Z., un 31enne suo connazionale regolare in Italia e incensurato. Si tratta di un cuoco che lavora in un ristorante del Padovano residente a Musile di Piave. Il ferito in questi giorni era ospitato proprio nella sua abitazione. La lite, dunque, sarebbe scaturita proprio tra quelle quattro mura, per motivi ancora in corso di accertamento. 

Il 31enne avrebbe all'improvviso preso una pentola di acqua bollente e avrebbe versato il contenuto addosso alla vittima mentre si trovava sdraiata sul letto. Non contento, avrebbe colpito più volte il 47enne con la pentola stessa. Il ferito quindi, uscito di casa, dopo aver chiamato un taxi si è portato in maniera autonoma in pronto soccorso a San Donà. Da lì poi è stato trasferito al centro Grandi Ustionati di Padova, dove è stato dichiarato in stato di arresto per i reati commessi tra il 2001 e il 2002. Si trova piantonato in ospedale e in prognosi riservata. 

Naturalmente sono scattate le manette (per lesioni gravissime) anche per Y.Z., portato in carcere a Venezia in attesa della direttissima. I motivi dell'aggressione non sono ancora chiari, ma una delle ipotesi più accreditate allo stato dai carabinieri è che tutto possa essere scaturito a causa di una gelosia incontrollabile del 31enne. Il ferito sarebbe stato ospitato da pochi giorni nell'abitazione di Musile, in quanto amico della moglie di lui. Una presenza giudicata forse "scomoda" dal capofamiglia, che ha due figli minorenni. Gli investigatori dell'Arma ritengono che il "latitante" trovasse lavoro in modo irregolare come massaggiatore sulle spiagge di Jesolo e Cavallino, tant'è vero che aveva con sé un abbonamento Atvo valido per la tratta San Donà - Cavallino, con generalità false. Nella cameretta in cui dormiva a  Musile è stato inoltre trovato una sorta di catalogo con il relativo prezziario per i vari tipi di massaggio. 
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Presentati i 2 euro dedicati alla Basilica: "Venezia circolerà in Italia e tutta Europa"

    • Cronaca

      Guida a zig zag e passa col rosso: alla guida con tasso alcolemico 5 volte oltre il limite

    • Cronaca

      Carabinieri sorprendono pescatori abusivi in azione: inseguimento in laguna

    • Cronaca

      Marghera, inaugurata via Gigi Russo: la strada che da ora ricorda il "poliziotto sociale"

    I più letti della settimana

    • Se n'è andato il re dello spritz: è morto l'ex titolare del bar Galliano di via Piave a Mestre

    • Preso il boss della cocaina a Mestre: "Jack" e soci si intascavano 5mila euro a notte

    • "Circondato da 15 pusher che volevano vendermi droga, istituzioni intervenite"

    • Del tutto fuori controllo al pronto soccorso, colpisce con un pugno in faccia il medico

    • Rapina al supermercato a Fossò: "Clienti impauriti, mi hanno puntato la pistola contro"

    • Maxi tamponamento a catena sulla Triestina: 6 veicoli coinvolti e 10 feriti tra Ceggia e San Donà

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento