Fa causa al padre per pagarsi gli studi: "Devi darmi 230mila euro"

Riconosciuto dal genitore dopo un esame del Dna, un 25enne ha preteso che gli venisse pagata laurea e aster, ma il tribunale di Padova ha deciso diversamente

Alcuni anni fa si era presentato da un facoltoso imprenditore della Riviera sostenendo di essere suo figlio, fatto confermato da un esame del Dna, e quando il padre l'ha riconosciuto gli ha chiesto per vie legali un mantenimento di 300 euro al mese; non pago di ciò, però, il 25enne è tornato dal suo genitore chiedendogli ben 230mila euro per studi universitari e master. Anche in questo caso a decidere ci ha pensato il tribunale di Padova, ma, come riporta il Gazzettino, l'esito è stato ben diverso.

SOLDI PER STUDIARE – Il ragazzo, come accennato, era già ricorso ad un avvocato per farsi riconoscere un assegno di mantenimento, riuscendo in quell'occasione a farsi dare ragione dal Tribunale. A distanza di qualche anno, però, il giovane è tornato dal padre per chiedere che gli venissero pagati gli studi universitari, esigendo ben 230mila euro per laurea, specialistica e master, una cifra che il padre non aveva alcuna intenzione di pagare. Così, ancora una volta, i due si sono rincontrati di fronte alla legge: inizialmente il giudice monocratico patavino aveva stabilito il versamento di “soli” 25mila euro al ragazzo, ma negli ultimi giorni di agosto la palla è passata ancora al tribunale collegiale di Padova, che ha cambiato la sentenza, stabilendo che al 25enne non arrivasse un centesimo in più dei 300 euro mensili per il proprio mantenimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Scorzè: camionista investito e ucciso nella notte

  • Truffatore online per anni, lo vanno a prendere nel suo appartamento

  • Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: l'affluenza si ferma al 21,73%

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Scoperta a rubare vestiti, aggredisce il direttore e gli punta le forbici in faccia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento