Martiri delle Foibe, a Jesolo inaugurato il monumento: «Insegnare il rispetto per chi non c’è più»

Il sindaco Zoggia: «Un’opera che racchiude in sé il dolore di quei fatti che hanno scritto un capitolo tragico della storia del nostro paese e del nostro popolo. È compito nostro, di noi uomini e donne delle istituzioni, insegnare il rispetto per chi non c’è più»

Si è svolta nella mattina di domenica 10 febbraio, a Jesolo, la cerimonia di svelamento della scultura dedicata ai Martiri delle Foibe.

L'inaugurazione

Un’opera che, nella sua semplicità, vuole testimoniare il ricordo delle decine di migliaia di connazionali italiani che hanno perso la vita nella tragedia delle foibe e, allo stesso tempo, mantenere accesa la memoria sugli altri centinaia di migliaia coinvolti nell’esilio giuliano-dalmata.

Sindaco

Il sindaco Zoggia: «Un’opera che racchiude in sé il dolore di quei fatti che hanno scritto un capitolo tragico della storia del nostro paese e del nostro popolo. È compito nostro, di noi uomini e donne delle istituzioni, insegnare il rispetto per chi non c’è più»

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Sperando che le testine dei centri sociali non fanno danni

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio all'hotel Excelsior: fiamme in cucina nella notte

  • Sport

    L'Ascoli ricaccia il Venezia nell'incubo playout: fatale il rigore trasformato da Ardemagni

  • Incidenti stradali

    Auto nel Sile: i sommozzatori la recuperano, poi ne trovano un'altra

  • Attualità

    Meteo: previsto un picco di acqua alta di 105 centimetri

I più letti della settimana

  • Schianto tra auto e tram sul ponte della Libertà, traffico bloccato a piazzale Roma

  • Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

  • Auto nel Sile: i sommozzatori la recuperano, poi ne trovano un'altra

  • Ciclista investito finisce a terra e perde la vita

  • Attenzione all'esodo di Pasqua: le previsioni del traffico in autostrada

  • Scomparso da giorni, ammette: «Ero fuggito per debiti di droga»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento