Occupazione illegale e allaccio abusivo alla corrente: coppia denunciata

I carabinieri sono intervenuti a Favaro Veneto. Altro intervento in aeroporto, dove è stato individuato l'autore di un furto in automobile

I carabinieri di Favaro hanno denunciato nei giorni scorsi una coppia di italiani di origine Rom insediata abusivamente in una delle casette del campo di via del Granoturco. Le pattuglie erano intervenute sul posto per eseguire una perquisizione legata alla ricerca di refurtiva, ma hanno invece constatato che i due (22enne lui, 24enne lei) non solo occupavano senza diritto una delle abitazionei, ma si erano anche allacciati abusivamente alla corrente con un cavo by-pass posticcio - tra l’altro talmente pericoloso che è stato necessario far intervenire l'Enel per il ripristino. I due sono stati denunciati per i reati di furto aggravato e invasione di edifici.

Altro intervento è stato fatto all'aeroporto di Tessera per un furto messo a segno da un 35enne di origini tedesche. L’uomo, in Italia senza fissa dimora, ha rotto il finestrino di un'automobile parcheggiata - approfittando di un momento in cui il proprietario si era allontanato - e si è impossessato di un portafoglio lasciato sul cruscotto. Il proprietario, tornato dopo pochi minuti, si è reso conto dell'accaduto e ha subito chiesto aiuto ai carabinieri. Dopo un rapido esame delle telecamere di sicurezza è stato possibile individuare il ladro, che ancora si aggirava per l’aeroporto, e recuperare il portafoglio. Il ladro è stato denunciato per furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • La due volte premio Oscar Emma Thompson da oggi è residente a Venezia

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

Torna su
VeneziaToday è in caricamento