Addetto alle pulizie entra negli spogliatoi dell'ospedale e ruba soldi e carte dagli armadietti: preso

Il furto nella serata di sabato all'interno dell'ospedale di Portogruaro: nella refurtiva un centinaio di euro in contanti e anche carte di credito

Ha approfittato del suo lavoro per introdursi all'interno degli spogliatoi dell'ospedale di Portogruaro e rubare così gli effetti personali di alcuni operatori sanitari. A finire nei guai O.T., un 35enne residente a Caorle, addetto alle pulizie del pronto soccorso e dipendente di un'azienda esterna a cui l'Ulss 4 appalta il servizio.

Arresto

È successo nel tardo pomeriggio di ieri. L'uomo, una volta nella stanza, avrebbe forzato due armadietti e portato via una borsetta ed uno zaino contenenti carte di credito, denaro contante per circa 120 euro e documenti. Il furto è stato scoperto quasi subito e così è stato chiesto l'intervento dei carabinieri, arrivati nei minuti successivi. Dalle immediate indagini è emerso che il 35enne era stato visto entrare nella stanza poco prima e così gli uomini dell'Arma lo hanno cercato e rintracciato mentre ancora si trovava nell'area dell'ospedale. Lo hanno perquisito, trovandolo con la refurtiva; altro materiale è stato rinvenuto nei cassonetti della spazzatura, probabilmente gettato dallo stesso ladro che intendeva disfarsene. Così per l'uomo è scattato l'arresto per il reato di furto continuato e aggravato, mentre il maltolto è stato restituito ai legittimi proprietari.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento