Marghera, ladri saturano di gas il patronato: poteva esplodere tutto

Venerdì criminali rubano due caldaie dell'edificio vicino alla chiesa di San Michele, in via Fratelli Bandiera. Poi aprono i rubinetti del metano

Una volante del commissariato di Marghera

Dopo il colpo aprono i rubinetti del gas. Ladri, certo, ma anche incoscienti. Avrebbero potuto provocare un disastro. E con ogni probabilità ne erano consapevoli. I criminali sono penetrati venerdì notte nella palazzina che ospita il patronato della chiesa di San Michele, in via Fratelli Bandiera a Marghera. Il loro obiettivo erano due caldaie, smontate con certosina attenzione per poterle poi rivendere ricavandone la massima somma possibile. Due dei tre impianti, quindi, sono stati trafugati. Non prima di avere interrotto l'afflusso di metano. Dopodiché i malviventi, prima di andarsene, hanno riattivato l'erogazione del gas, che ha saturato i locali.

L'allarme, come riporta il Gazzettino, è stato lanciato da una guardia giurata che, passando in zona, ha segnalato un forte odore di gas alla polizia, la quale a sua volta ha chiesto l'intervento dei vigili del fuoco. La "fonte" sembrava essere proprio la palazzina che ospita il patronato. I pompieri hanno lavorato fino a sabato mattina per scongiurare ogni possibilità di esplosione.

L'edificio era talmente saturo, infatti, che non sarebbe stato sufficiente aprire le finestre e arieggiare le stanze: si sono resi necessari anche alcuni fori alle intercapedini e ai controsoffitti. Il gas, infatti, aveva occupato tutti gli interstizi tra le pareti. Una sigaretta accesa o il "clic" di un interruttore della luce e sarebbe potuto essere un disastro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto a terra, morta una ragazza di 29 anni

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Incidente mortale di Eraclea, il motociclista aveva bevuto

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • Travolto da un'auto, morto un pensionato di 63 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento