Gioco d'azzardo nel mirino della Prefettura, tavolo per sconfiggerlo

Firmato mercoledì mattina a Ca' Corner un protocollo d'intesa con cui individuare metodi e sinergie per combattere la "nuova" dipendenza

D'ora in poi ci saranno un tavolo tecnico interistituzionale in prefettura e un tavolo tecnico in questura ad hoc sul gioco d'azzardo, non solo per tutelare e aiutare quanti patiscono di questa dipendenza, ma anche per trovare le forme migliori per informare e "formare" i cittadini e gli operatori economici. Il via dell'iniziativa è stato ufficializzato mercoledì mattina in Prefettura con la firma di un protocollo d'intesa interistituzionale (la lista di chi ha partecipato tra enti locali, associazioni e privati è molto lunga) per la prevenzione e il contrasto del gioco illegale, con particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione.

Il tavolo tecnico punterà "a definire le modalità operative connesse ai servizi di controllo sulla rete del gioco legale, finalizzati a verificare il rispetto delle norme a tutela dei minori e il possesso dei prescritti titoli autorizzatori, potenziando il sistema di interscambio informativo, utile alla programmazione dei controlli, specie sui punti di offerta posizionati in prossimità di luoghi sensibili". Insomma, potrebbero stringersi le maglie dei controlli negli esercizi che si trovano vicino a scuole, punti di aggregazione giovanile o chiese.

Con l'aiuto della polizia postale, inoltre, verranno promosse specifiche campagne di sensibilizzazione rivolte ai minori e alle loro famiglie sui rischi derivanti dall'uso improprio e irresponsabile della rete e di quelli connessi ai giochi d’azzardo online. Si tratta forse del problema principale, in veloce espansione tra le famiglie italiane. Anche veneziane.

Verrà poi potenziata ulteriormente la collaborazione tra i SERT delle Ulss e i servizi sociali dei Comuni, attraverso la costituzione di punti di ascolto/orientamento. In questo disegno naturalmente hanno una voce in capitolo importante anche le scuole, dove verranno avviati specifici percorsi di educazione ala legalità, di promozione della salute e di consapevolezza dei rischi. "In tale quadro, particolarmente significativa sarà inoltre l’azione delle associazioni di categoria e di volontariato, che avranno il compito di sensibilizzare gli operatori economici, bancari e finanziari sulla delicata e complessa problematica e le conseguenti ripercussioni negative sul piano sociale, familiare e lavorativo, attraverso l’attivazione di concrete misure di prevenzione, tra cui la riduzione della pubblicità indiscriminata e incontrollata all’esterno degli esercizi commerciali, l’istituzione di “marchi di qualità” che identifichino gli esercizi commerciali aderenti alle iniziative, l’organizzazione di occasioni pubbliche di confronto", conclude la Prefettura.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Schianto tra due auto, morta una donna

  • L'Amerigo Vespucci torna in laguna in compagnia della nave San Giorgio

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • Travolto da un'auto, morto un pensionato di 63 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento