Dalla Giunta via libera ad Eco-ricicli Penzo e Cittadella della Giustizia

Venerdì è arrivata l'approvazione per il nuovo progetto di Marghera, per il restauro del campo e per lo studio di fattibilità per l'ex Tabacchi

Un complesso programma di azioni, che interesseranno Marghera, è stato deliberato venerdì dalla Giunta comunale allo scopo di realizzare non solo un Eco-ricicli Veritas in via della Geologia, nell'area industriale di Porto Marghera denominata “10 Ha”, ma anche un distretto dell'autotrasporto nell'ex boschetto Sirma, liberando via Bottenigo, in cui attualmente opera la società di trasporto Cointra, per un successivo intervento residenziale in social housing.
 Nella fase iniziale dell'attività, la Giunta ha stabilito la concessione temporanea per due anni, a titolo oneroso, dell'area “10 Ha” per consentire a Veritas l'avvio del progetto dell'Ecodistretto e Ecocentro, richiesto dalla Municipalità di Marghera.


IL COMMENTO - “Un doppio passo molto importante è stato compiuto dalla Giunta comunale, con l’assegnazione degli spazi necessari per avviare, in via della Geologia in zona industriale, l’Eco-distretto promosso da Veritas Ecoricicli e dall’amministrazione comunale di Venezia, e per spostare nell’ex boschetto Sirma i depositi di container e autoarticolati oggi presenti nel centro abitato di Catene, come da tempo richiede la Municipalità di Marghera”. Così l'assessore all'Ambiente Gianfranco Bettin ha voluto commentare le decisioni di oggi. “Con la prima scelta – continua Bettin - si imprime nuovo impulso alla scelta strategica di concentrare in un’unica area tutta la filiera del riciclo (vetro, plastica, lattine, carta ecc.) che ha già dato in questi anni importanti risultati sia in termini occupazionali sia prefigurando un vero e proprio nuovo ramo d’industria modernissima e sostenibile, capace di trasformare i rifiuti in nuova materia prima. Una filiera che, in particolare nel vetro, sta già portando a nuove importanti collaborazioni di livello internazionale, destinate a fare dell’Eco-distretto di Marghera-Fusina, una delle maggiori aree di settore italiane ed europee. Lo spostamento e la riorganizzazione dell’autotrasporto nell’ex area Sirma consentirà parimenti di attrezzare razionalmente questo settore e, al tempo stesso, di liberare Catene e Marghera da una presenza di forte impatto sui residenti. Un risultato atteso da decenni - conclude l'assessore - che e può diventare, in tempi ragionevolmente brevi, finalmente realtà”.

LO STADIO PENZO - È stata approvata dalla Giunta comunale anche la delibera relativa alla sostituzione urgente delle quattro torri faro per l'illuminazione dello stadio Penzo a Sant'Elena, degradate nella struttura tanto seriamente da renderne necessaria la demolizione.
 Nel maggio scorso, dopo che i vigili del fuoco avevano sottoposto le torri a verifiche statiche, erano state chiuse in via precauzionale al traffico pedonale e acqueo la fondamenta di accesso allo stadio e il rio di Sant'Elena; in seguito era stato dichiarato inagibile lo stadio stesso.
“I lavori procedono a ritmo spedito – ha annunciato l'assessore comunale ai Lavori pubblici e al Patrimonio, Alessandro Maggioni. Dopo la demolizione delle due torri pericolanti il 30 giugno scorso si procederà quanto prima con la rimozione delle ultime due torri rimaste, già alleggerite dei fari, ed il posizionamento delle 4 nuove torri. Stiamo lavorando intensamente per cercare di concludere l'intervento in tempo per l'inizio del campionato, anche se non è da escludere un possibile ritardo di qualche settimana visto che in agosto molte delle ditte interessate ai lavori sono chiuse”. 
Il costo complessivo dell'intervento ammonta a circa 638mila euro, finanziati con i fondi della Legge Speciale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA CITTADELLA - Finiti intanto anche i lavori del primo lotto della Cittadella della Giustizia, e la Giunta ha deliberato quindi lo studio di fattibilità del secondo intervento. 
“È stato approvato lo studio di fattibilità per il restauro e risanamento statico di alcuni edifici dell'ex Manifattura Tabacchi – ha dichiarato Maggioni - Oltre al restauro di alcuni immobili esistenti nel complesso, per un loro uso in ambito giudiziario, è prevista anche l'apertura di un bar ristorante e la realizzazione di un nuovo parcheggio interrato in Piazzale Roma in sostituzione dell'attuale area di sosta. Lo studio di fattibilità sarà alla base dell'iter nella ricerca di un concessionario che si impegni poi a realizzare in project financing il secondo lotto. Quindi approviamo il progetto di fattibilità che sarà alla base della gara che faremo per trovare chi lo realizza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento