Grandi navi e Porto, Brugnaro va avanti: "Sì a Tresse Nuovo e piattaforma offshore"

Il primo cittadino lunedì è intervenuto all'inaugurazione dell'anno portuale e ha voluto lanciare un appello all'unità: "Governo e ministeri, remiamo nella stessa direzione"

Intervenendo all'inaugurazione dell'anno portuale 2016, alla presenza di parlamentari, autorità cittadine e del sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Simona Vicari, il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha rivolto un appello all'unità della città. “Se vogliamo garantire un futuro ai nostri giovani, se vogliamo creare sviluppo e ricchezza per il nostro territorio – ha affermato il primo cittadino – dobbiamo parlare una voce unica, senza se e senza ma. Di fronte al momento storico che stiamo vivendo, in un mondo che si muove alla velocità della luce, ognuno è chiamato a fare la sua parte. Ho trovato disponibilità nel governo, nel ministero alle Infrastrutture e nella Direzione generale del Ministero dell'Ambiente – ha continuato il sindaco - questa città ha bisogno del vostro amore, dell'impegno di tutte le categorie e di tutti i soggetti a sostegno delle istituzioni”.

L'evento, che cade in occasione dell'anniversario dei 50 anni “dell'acqua granda” del 1966 e dei 100 anni dalla fondazione di Porto Marghera, è stata anche l'occasione per affrontare il tema di una nuova alleanza tra porto e industria attraverso lo sviluppo di infrastrutture produttive e logistiche per far fronte alle sfide del futuro e garantire, secondo le parole di Paolo Costa, presidente dell'Autorità portuale, che “una grande realtà di oggi diventi una protagonista di domani”.

“Venezia non è contro nessuno – ha sottolineato il sindaco Brugnaro - Insieme a Trieste, Monfalcone, Chioggia, Ravenna, dobbiamo essere in grado di creare quel sistema portuale dell'Alto Adriatico capace di competere con i porti del Nord Europa. E' importante la realizzazione del progetto portuale offshore, necessario rifugio per le navi in caso di chiusura delle paratoie del Mose, ma anche luogo strategico per intercettare le grandi navi trans-oceaniche e aprire ai grandi mercati mondiali. Sul fronte Tresse Nuovo, la soluzione indicata ai ministeri competenti da Comune e Porto per spostare le grandi navi dal canale della Giudecca, il sindaco ha dichiarato: “L'impegno che vi chiedo è quello di fare in modo che tornino ad aprire le fabbriche a Porto Marghera e di far impresa a Venezia. Solo in questo modo potremo mantenere le promesse di far ripartire la città e il lavoro garantendo un futuro ai nostri figli”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Provvedimenti del questore contro i maggiorenni delle bande violente

  • Cronaca

    Rapina al Tronchetto: la vittima colpita con una pistola. Telecamere al setaccio

  • Cronaca

    Fatture false, sequestro da 600mila euro a una lavanderia

  • Mestre

    Impianti pagati, ma pazienti senza cure: verso la chiusura la clinica "IdeaSorriso"

I più letti della settimana

  • Omicidio a Venezia: anziano uccide la moglie con una coltellata

  • Auto nel Sile: i sommozzatori la recuperano, poi ne trovano un'altra

  • Ciclista investito finisce a terra e perde la vita

  • Colpito alla testa e derubato del trolley, dentro decine di migliaia di euro in contanti

  • Incendio all'hotel Excelsior: fiamme in cucina nella notte

  • Scomparso da giorni, ammette: «Ero fuggito per debiti di droga»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento