La Guardia Costiera rafforza i controlli: 20 mezzi e 130 militari

Scatta il 23 giugno l'operazione "Mare Sicuro" della Guardia Costiera, che intenstificherà i controlli sul litorale veneziano fino a settembre

Riparte il 22 giugno l’operazione “Mare Sicuro” della Guardia Costiera, che intensificherà fino al 13 settembre le attività di polizia marittima e i controlli alle unità da diporto e vigilanza, sia sul litorale veneto che sul lago di Garda. L’operazione coinvolgerà tutti i Comandi delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera di Venezia, Caorle, Chioggia, Bibione e Jesolo. Saranno in servizio anche gli uomini del Nucleo Guardia Costiera di Salò.

Saranno impiegati ben 20 mezzi fra motovedette e battelli veloci e pattuglie a terra, lungo i circa 140 km del litorale dalle foci del fiume Po sino al Tagliamento. Saranno 130 i militari che, attraverso una costante presenza in mare, in laguna, in spiaggia e sulle acque Gardesane, vigileranno su tutta l’area.

L'attività della Guardia Costiera è stata molto intensa fin dai primi giorni di giugno sia per il supporto in occasione di molti eventi sia per interventi nei confronti di alcuni diportisti che, in violazione del divieto di navigazione all' interno della fascia dei 500 metri dalla riva, navigavano tranquillamente con le proprie barche in mezzo ai bagnanti. E’ attivo 24 ore su 24 su tutto il territorio nazionale il numero 1530 per segnalare qualunque tipo di emergenza in mare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento