I tentacoli della 'ndrangheta: "Ditta di Caorle scelta per il piano Cutro"

Secondo Legambiente Veneto un'azienda del litorale sarebbe stata scelta per la realizzazione di un campo eolico. La smentita: "Tutto nella legalità"

Avrebbe sede a Caorle la società che venne scelta dal clan ‘ndranghetista emiliano/cutrese come capofila per un affare importante: il cosiddetto “Piano Cutro”, cioè la costruzione di un parco eolico nella campagna cutrese realizzato grazie ai finanziamenti dell’Unione europea. E' quanto denuncia in una nota la Legambiente del Veneto. Il dettaglio emergerebbe dall'informativa dell'Arma dei carabinieri in relazione all'inchiesta della Procura bolognese contro la cosca Grande Aracri attiva tra Cutro e Reggio Emilia.

"Nel novembre 2011 un crotonese residente in provincia di Verona divenne amministratore della società. Nel luglio dello stesso anno, secondo quanto scrivono i carabinieri nella loro relazione, viene messo a punto il "Piano Cutro" - continua Legambiente - Per la presentazione del progetto viene individuata, quale capofila, la società di Caorle sul cui capitale sociale subentrerà il cutrese R.O.".

La ditta avrebbe sede a Caorle allo stesso indirizzo del suo primo amministratore e attuale titolare di una società di un importante progetto immobiliare, il quale non sarebbe toccato dall'inchiesta in alcun modo. "Secondo le denunce di due consiglieri comunali di Caorle e dell’Osservatorio ambiente e legalità, la messa in discussione del progetto, nel dicembre del 2013, ha scatenato pesanti minacce nei confronti del sindaco e degli stessi consiglieri fino ad essere oggetto di un'inchiesta da parte della magistratura antimafia di Trieste", dichiara la Legambiente, che per bocca del suo presidente Luigi Lazzaro punta il dito contro il pericolo di infiltrazioni criminali nel Veneto orientale: "Il litorale si conferma un territorio vulnerabile dove l'operatività delle organizzazione criminali può contare sulla collaborazione di settori dell'imprenditoria e delle professioni – ha dichiarato Lazzaro -, serve un segnale da parte delle istituzioni".

Secca la smentita del diretto interessato: "La società di Caorle è stata ceduta nella totalità delle sue quote da più di quattro anni - dichiara il titolare - e la sua sede legale non è più ubicata in viale Panama. Pertanto, non sono a conoscenza dalla data della cessione delle quote della suddetta, nè dell'andamento economico nè dell'attuale composizione societaria nonchè dell'attuale amministratore, nè degli eventuali rapporti intrattenuti in questi anni da questi".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Inchiesta sulla camorra: indagata anche la presidente della Camera penale

  • Cronaca

    Venezia, chiuso il locale "Ai Biliardi" per disturbo della quiete pubblica

  • Mestre

    Documenti falsi: arrestato un uomo all'ufficio anagrafe

  • Cronaca

    La valigetta rubata e recuperata dalla camorra, l'ex imprenditore e il "braccio destro"

I più letti della settimana

  • Pizzo, droga, prostituzione: come la camorra ha conquistato il Veneto orientale

  • Colpo alla camorra in Veneto, arrestato anche il sindaco di Eraclea. Sequestri per 10 milioni

  • Soldi addebitati dal conto corrente: boom di segnalazioni per la nuova truffa

  • Voti dalla camorra in cambio di favori: arrestato Mirco Mestre, sindaco di Eraclea

  • Incidente all'alba: morto un 19enne. Ferito un giovane di Scorzè

  • Un male incurabile se la porta via a 34anni, si era trasferita da poco a Noale

Torna su
VeneziaToday è in caricamento