Identificato il presunto autore dello stupro in discoteca

L'episodio era avvenuto nella notte tra il 16 ed il 17 novembre all'Odissea di Spresiano. Un 22enne friulano è stato denunciato. Vittima è una diciottenne di San Stino

I carabinieri sono riusciti a identificare il presunto autore dello stupro avvenuto nella notte tra il 16 ed il 17 novembre all'interno della discoteca Odissea di Spresiano (Treviso). Si tratta di un 22enne pordenonese, residente a Casarsa della Delizia, il quale è stato denunciato alla procura di Treviso per il reato di violenza sessuale. Secondo TrevisoToday, gli investigatori del nucleo operativo e radiomobile di Treviso non hanno dubbi: sarebbe lui la persona che avrebbe trascinato la vittima, una studentessa 18enne di San Stino di Livenza, per poi abusarne. Il ragazzo non ha precedenti penali.

La ragazza si trovava nel locale con alcuni amici e durante la serata aveva prima bevuto un drink e poi si era appartata con quel ragazzo, nei bagni della discoteca. Dopo aver avuto insieme un rapporto sessuale completo, i due si erano separati e l'indomani la 18enne, dolorante, si era recata, accompagnata dai famigliari, al pronto soccorso dell'ospedale di Oderzo, per essere visitata; dopodiché era stata trasferita al Ca' Foncello di Treviso per un'analisi più approfondita delle sue condizioni. A quel punto era scattata la denuncia ai carabinieri di Treviso che hanno subito acquisito i referti medici del nosocomio trevigiano e raccolto le prime testimonianze delle persone presenti alla serata nel locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

  • Appartamento dello spaccio "vista piazza": 30enne in manette a Marghera

  • Allarme coronavirus (poi rientrato) per un bambino cinese all'aeroporto di Venezia

  • Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Torna su
VeneziaToday è in caricamento