Ilnor Scorzé, lavoratori non lasciano la fabbrica. Martedì visita del vescovo di Treviso

Lo stato di assemblea permanente degli addetti nell'azienda di laminati di Gardigiano continua senza sosta. Martedì monsignor Gianfranco Agostino Gardin fa visita ai dipendenti

Foto: Rsu Ilnor Scorzè

Non conosce soste temporali, ormai dal primo aprile, lo stato di assemblea permanente dei lavoratori della Ilnor, azienda di laminati di Gardigiano di Scorzè in protesta dopo l'annunicio della 'casa madre' bresciana di voler chiudere i battenti in Veneto. 

Martedì il vescovo di Treviso, monsignor Gianfranco Agostino Gardin, farà visita ai dipendenti in fabbrica per portare la solidarietà della diocesi al centinaio di addetti che rischiano il posto di lavoro.

I lavoratori che non hanno mai abbandonato la fabbrica, puntano tutto sulla giornata di mercoledì, quando al ministero dello Sviluppo Economico a Roma sarà ricevuta una delegazione di rappresentanti degli addetti per uscire dall'impasse, sperando di ottenere l'appoggio del governo nella vertenza.

Martedì si uniranno simbolicamente alla lotta dei lavoratori anche i 'colleghi' del gruppo Lafert di san Donà di Piave, azienda di produzione di motori elettrici, e quelli della Antonio Carraro di Campodarsego, fabbrica che realizza trattori.

I dipendenti Ilnor hanno incassato la scorsa settimana il sostegno delle istituzioni locali, inclusa una mozione del consiglio metropolitano a favore dell'azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

Torna su
VeneziaToday è in caricamento