Gli errori sul ponte di Calatrava? Costati mezzo milione al Comune

Questo il danno che Ca' Farsetti, per i tecnici del Politecnico di Torino, avrebbe subito per le lacune del progetto. Cifre sotto le aspettative

Per sopperire "alle carenze presenti nel progetto esecutivo redatto dall'architetto Santiago Calatrava" per il ponte a Venezia, il Comune ha dovuto spendere 463 mila e 912 euro. Lo dicono i tecnici del Politecnico di Torino che hanno redatto la quinta perizia sul ponte della Costituzione, richiesta due anni fa dal pm Francesco Spaccasassi.

I due docenti torinesi, come riporta il Corriere del Veneto, pur criticando l'operato del progettista spagnolo, alla fine hanno ritenuto che solo tre spese aggiuntive siano direttamente attribuibili all'archistar. La prima riguarda i 70 mila euro che il Comune ha dovuto pagare per lo sviluppo dei disegni costruttivi; ci sono poi l'aumento di spessore delle mensole delle sezioni del ponte e del diametro del tubo dell'arco inferiore e l'inserimento di altri elementi.

Modifiche ritenute necessarie proprio perché, secondo i tecnici, il disegno di partenza era lacunoso. La perizia viene incontro solo in parte alle aspettative del Comune, che si era rivolto al tribunale chiedendo di capire le responsabilità di Calatrava, per potersi a sua volta difendere da una ditta costruttrice, che chiede 10 milioni di euro di danni. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: altri due al Civile di Venezia. Aggiornamenti

  • Coronavirus: l'ordinanza per i Comuni colpiti del Veneto

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Coronavirus: quali sono i sintomi e come comportarsi in caso di contagio

  • Coronavirus: «Tutti gli ospedali si preparino»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento