Taxi acqueo a fuoco nella notte in zona Sant'Alvise, intervengono i vigili del fuoco

L'allarme nella notte tra martedì e mercoledì. Al vaglio le cause del rogo, che potrebbero anche essere dolose. Non il primo incendio di questo tipo nel centro storico lagunare

Foto di Mauro Donati su Facebook

Non il primo incendio di imbarcazione in città. Non il primo episodio su cui insistono le indagini delle forze dell'ordine, perché il sospetto è che il rogo per cui nella notte tra martedì e mercoledì i vigili del fuoco sono dovuti intervenire con un'autopompa lagunare in zona Sant'Alvise, a pochi metri dall'imbarcadero, possa essere di matrice dolosa, anche se non è possibile allo stato escludere anche le altre ipotesi. Nemmeno quella del cortocircuito o di una causa accidentale.

Video pubblicato da Mauro Donati su Facebook

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Residenti svegliati da un botto

I residenti verso le 3.20 sono stati svegliati di soprassalto da almeno un botto proveniente dalle vicinanze dell'imbarcadero: in pochi istanti l'intera barca era stata circondata dalle fiamme. "Ho udito il rumore e ho allertato i vigili del fuoco - dichiara Mauro Donati, che abita poco distante - quando ho chiamato i pompieri ne ho sentito un altro. Avevamo paura che l'incendio si allargasse anche all'imbarcadero. Gli operatori del 115 sono arrivati dopo meno di 10 minuti e hanno spento tutto".

Danni ingenti

I danni al natante, un taxi acqueo a noleggio con targa parziale LV, sono molto ingenti. Nei mesi scorsi un incendio simile divampò alla Giudecca, quando andò a fuoco una moderna imbarcazione del corriere Dhl ad alimentazione anche elettrica. Sulle cause che hanno innescato le fiamme nella notte tra martedì e mercoledì stanno lavorando le forze dell'ordine. Il taxi acqueo è stato posto sotto sequestro per ulteriori accertamenti da parte del Niat (Nucleo investigativo antincendio territoriale) dei vigili del fuoco e della polizia. Fino alla fine dei rilievi l’imbarcadero Actv rimarrà  chiuso. Al vaglio anche eventuali telecamere di sorveglianza situate in zona, che potrebbero aver immortalato elementi utili alle indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i dati aggiornati

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • Hanno partecipato al Carnevale di Venezia: scatta la quarantena nel Salernitano

  • Se si avvicina alla ex arriva la polizia: primo braccialetto elettronico per stalking a Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento