Preoccupazione a Ceggia: camper distrutto dalle fiamme nel deposito giudiziario

L'incendio verso le 19.30 in un'area della Triestina. E' possibile che il caravan fosse sfruttato da qualche senzatetto. Sono state messe in sicurezza alcune vicine bombole di gas

Il fumo e le sirene dei vigili del fuoco hanno preoccupato non poco i residenti che a un certo punto hanno visto arrivare sulla statale Triestina, nel territorio di Ceggia, un ingente numero di mezzi di soccorso, con in più i carabinieri. Verso le 19.30 di venerdì, infatti, è andato a fuoco un camper all'interno di un deposito giudiziario: gli operatori del 115, con tanto di autobotte, hanno dovuto lavorare a lungo per mettere in sicurezza la zona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Camper distrutto

Il caravan è andato completamente distrutto, ma il timore iniziale era che ci potesse essere qualcuno all'interno. Per questo motivo le prime fasi dell'intervento sono state piuttosto concitate, anche perché a poca distanza c'erano 5 o 6 bombole di gas subito allontanate e messe al sicuro. Una delle ipotesi è che quel camper fosse sfruttato come base da qualche senzatetto per passare la notte, ma qualcosa deve essere andato storto e tutto sarebbe andato a fuoco. Gli accertamenti in ogni caso sono ancora in corso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento