San Donà, devastante incendio in una ditta di smaltimento rifiuti: capannone distrutto

Il rogo lunedì sera alla Se.Fi. Ambiente di via Argine di Mezzo. Sul posto personale Arpav e una quarantina di operatori dei vigili del fuoco. Il sindaco: "Chiudete le finestre"

Fiamme altissime hanno illuminato a giorno il circondario, preoccupando non poco i residenti. Grosso incendio lunedì sera alla Se.Fi. Ambiente di via Argine di Mezzo a San Donà di Piave. Si tratta di uno stabilimento specializzato in raccolta, trasporto, stoccaggio e smaltimento di rifiuti, anche speciali, per la provincia di Venezia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ingente dispiegamento di mezzi

Sul posto una decina di squadre di vigili del fuoco, oltre agli ispettori dell'Arpav e al sindaco della città del Piave, Andrea Cereser. Si è reso necessario l'intervento di 2 autopompe serbatoio, 5 autobotti di cui due cisterne ad alta capacità, un carro schiuma e la sala operativa mobile del 115. L'allarme è scattato nel momento in cui il fuoco ha iniziato a propagarsi a un intero capannone da 5mila metri quadri all'interno della ditta, situata in località Chiesanuova. All'interno dalle prime informazioni (i rilievi continueranno alla luce del sole, con il buio e l'incendio è impossibile stabilire con precisione cosa si trovasse) ci potrebbero essere oli esausti, diluenti, batterie. In mattinata è previsto un sopralluogo del Niat, il Nucleo investigativo dei pompieri, per cercare di stabilire la causa scatentante del fuoco, particolarmente violento a tratti. Le operazioni sono durate per tutta la notte.

"Chiudete le finestre"

Allo scoccare della mezzanotte tra lunedì e martedì non erano state segnalate problematicità dall'Arpav, ma le istituzioni predicano cautela: "Grazie all’uso di schiumogeni, l’incendio è stato arginato - ha dichiarato sui social il sindaco di San Donà, Andrea Cereser - Arpav sta completando il campionemento dell’aria in più punti. I dati saranno disponibili in poco tempo.
In attesa dei risultati, si consiglia di privilegiare la permanenza in luoghi chiusi, almeno nella zona di Destra Piave". Alle 9, poi, il nuovo aggiornamento: "Arpav rende noto che gli esiti delle analisi sui primi due campioni di aria, prelevati a 400 e 700 metri dal luogo dell’incendio, hanno dato esiti confortanti - ha scritto in un nuovo post il primo cittadino - Al momento, quindi, non c’è necessità di disporre misure straordinarie. Nel corso della giornata saranno effettuati altri campionamenti. Da prassi si raccomanda, a titolo precauzionale, di non consumare ortaggi coltivati entro un raggio di 500 metri sino a quando non saranno disponibili gli esiti delle analisi su queste matrici. Un grande ringraziamento a tutto il personale (vigili del fuoco, carabinieri, protezione civile, Arpav, polizia locale) che si sta adoperando per gestire al meglio questa situazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

incendio ok-17-14-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

Torna su
VeneziaToday è in caricamento