Incendio allo stabilimento Veritas: nastro trasportatore avvolto dalle fiamme a Fusina

È accaduto intorno alle 2 di notte in via della Geologia. Sul posto i vigili del fuoco. L'impianto era stato fermato lunedì sera: "Probabile surriscaldamento di un motore"

Un incendio è divampato intorno alle 2 della notte tra lunedì e martedì, in via della Geologia a Fusina, nell'impianto Css1 di trattamento dei rifiuti Veritas. Completamente avvolto nelle fiamme il nastro trasportatore, che però era stato fermato, lunedì sera verso le 22, in occasione della festività del primo maggio. Non risulta fossero stati caricati rifiuti, quindi a prendere fuoco è stato solo il nastro. Non sono state diffuse notizie di persone coinvolte nell'accaduto.

IMG-20180501-WA0001_wm-2

'Motore a fuoco'

In base ai primi interventi sul posto, alla base potrebbe esserci stato un possibile surriscaldamento del motore da cui potrebbe essere scaturita la scintilla "fatale". Ad accorgersi di ciò che stava accadendo, verso le 2, è stato l'operaio addetto al caricamento degli scarti, che ha subito dato l'allarme. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco per domare il rogo, preceduti dal servizio di sicurezza interno, accorsi da Mestre e Mira con 7 automezzi antincendio, tra cui  tre auto pompa serbatoio, due autobotti, un'autoscala, un carro aria, e 22 operatori, riuscendo a contenere l'incendio, e evitare l’estensione delle fiamme all’intero impianto. Le squadre sono rientrate all’alba. Le cause dell’incendio sono al vaglio dei tecnici dei vigili del fuoco. Secondo le analisi compiute dall'Arpav i valori registrati sarebbero rimasti nella norma.

IMG-20180501-WA0000_wm-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Impianti Css

La zona è stata circoscritta, per ordine del magistrato, che però non ha disposto il sequestro del nastro. Attualmente per lo stoccaggio dei rifiuti resta in funzione l'altra linea del Css (combustibile solido secondario). Nessuna ripercussione sul trattamento dei rifiuti e sul servizio. L'impianto è gestito dalla società Ecoprogetto, di cui Veritas è socio di maggioranza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • Un nuovo sistema di prenotazione nell'Ulss 3: non è più l’utente che chiama il Cup, ma viceversa

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento