Incidente in via Venezia a Oriago, auto contro moto: due fratelli sono gravi

Lo schianto alle 17.30. Una Yaris ha svoltato in via Sabbiona, all'altezza del ponte girevole, ed è stata centrata da una Honda che proveniva dal senso opposto con a bordo la coppia di giovani

Intervento a Mira dell'elicottero del Suem (archivio)

Due fratelli sono volati entrambi per alcuni metri per poi cadere rovinosamente sull'asfalto. Grave incidente lunedì pomeriggio, verso le 17.30, a Oriago, frazione di Mira. Lo schianto in via Venezia, in corrispondenza del ponte girevole che collega via Sabbiona con la strada principale della Riviera. Una 30enne di origine romena, alla guida di una Toyota Yaris, proveniente da Venezia, ha improvvisamente svoltato a sinistra per imboccare il ponte. Proprio in quel momento, però, dalla parte opposta sopraggiungeva una Honda CB 1000 R, che non avrebbe neanche fatto in tempo a frenare, centrando in pieno la parte anteriore destra del veicolo.

Alla guida della moto S.L., 31enne residente a Malcontenta, con dietro L.L., fratello 22enne. Entrambi sono stati catapultati in alto dalla forza dell'urto, e avrebbero addirittura perso le scarpe. Il più grande dei due è stato stabilizzato sul posto ed elitrasportato all'ospedale di Treviso, dove ora si trova ricoverato in prognosi riservata. Gravi fratture per lui, profonde ferite alle gambe e un pesante trauma cranico. Sarebbe il ferito più grave. Anche il fratello però desta molte preoccupazioni tra i sanitari. Al momento dell'arrivo degli agenti della polizia municipale aveva perso i sensi. E' stato trasportato d'urgenza all'ospedale dell'Angelo di Mestre, sempre in prognosi riservata.

La donna alla guida della Yaris, invece, residente a Oriago in via Alberoni, è ricorsa alle cure del pronto soccorso di Dolo, dove poi è stata ricoverata. Per consentire i rilievi della polizia municipale la strada è rimasta chiusa al transito per un paio d'ore, con deviazioni per gli automobilisti nelle strade interne. Il magistrato ha disposto il sequestro dei veicoli interessati dall'incidente.

 

Per consentire l'intervento dei sanitari, in mancanza di una zona dove l'elicottero del Suem potesse agevolmente atterrare, è stato calato un medico tramite un verricello, da dove poi è stato imbragato S.L. In questo modo si è poi riusciti a trasportarlo all'ospedale Ca' Foncello di Treviso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • E meno male che dissi a qualcuno che quell'incrocio è estremamente pericoloso chiedendo di attivare quel semaforo di merda....Mi fu risposto di farmi gli affari miei perchè se mettevano il semaforo in funzione si formava coda....

  • Avatar anonimo di paolo
    paolo

    ma questa sembra un'altra foto

    • Avatar anonimo di filippo
      filippo

      e' foto d'archivio, a memoria dovrebbe essere zona cavallino di qualche settimana fa. saluti

      • Avatar anonimo di Thomas
        Thomas

        No, è sempre a Mira, via Nazionale 103 - dove c'è Shop Car e Mobili Corò per intenderci.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragico incidente sul lavoro a Mirano: addetto cade dall'alto di uno scaffale e perde la vita

  • Cronaca

    Sfregi sul ponte di Rialto, le immagini delle telecamere incastrano la colpevole

  • Green

    Mestre, al via il primo servizio al mondo di taxi condiviso e sostenibile: gestito tramite app

  • Cronaca

    "Condizioni impossibili per minorenni a Conetta", quattro ragazzi trasferiti dal campo

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro a Mirano: addetto cade dall'alto di uno scaffale e perde la vita

  • Notte paranormale all'isola di Poveglia: "abbiamo sentito la voce di una bambina"

  • Rialto, restauro danneggiato: nella notte graffito sulle colonne in pietra d'Istria

  • Si schianta con lo scooter in Thailandia, grave un 52enne mestrino: è in Rianimazione

  • Rapina nel sottopasso: giovane aggredita alle spalle e picchiata, fuga con la borsa

  • Ladro scoperto a rubare e inseguito da decine di persone. Accerchiato, arriva la polizia VD

Torna su
VeneziaToday è in caricamento