Incidente in via della Libertà a Mestre: auto e pullmann si incendiano, code

Alle 11.10 un veicolo avrebbe tamponato un mezzo Actv in direzione Venezia, in corrispondenza di via Righi. Per permettere lo spegnimento del rogo tratto chiuso al transito in entrambi i sensi

Le immagini dell'incidente (Twitter)

Traffico in tilt verso le 11.10 per un grave incidente in via della Libertà a Mestre, all'altezza di via Righi in direzione Venezia. Un'Audi A8 con targa tedesca ha tamponato un pullman autosnodato partito da Mirano alle 10,20 nell'angolo posteriore sinistro, mentre quest'ultimo si trovava non in movimento alla fermata di via Righi. Il veicolo si sarebbe incastrato sotto al mezzo Actv, incendiandosi. Un principio di rogo è stato domato anche sull'autobus, dove la quarantina di passeggeri presenti, impauriti, sono scesi dopo l'urto. Si sarebbero registrati attimi di paura per il fatto che l'apertura delle porte avrebbe funzionato solo dopo qualche decina di secondi, fornendo una via di fuga. Sul posto i vigili del fuoco, il reparto motorizzato della polizia municipale e i sanitari del Suem.

 

A causa della dinamica dell'incidente ci sarebbero dieci contusi. Ferito anche l'autista dell'autobus, G.M., 52enne residente a Mira, che avrebbe riportato un trauma cranico. Mentre il conducente dell'Audi, 60enne di nazionalità greca ma residente a Gütersloh in Germania che si stava recando al Porto per imbarcarsi verso il paese ellenico, è stato accompagnato non in gravi condizioni al pronto soccorso. Ripercussioni pesantissime per la viabilità. Non si esclude che alla base dell'incidente possa esserci stato un colpo di sonno, visto che l'uomo stava guidando da stamattina partendo dalla Germania. Il tratto di strada che porta al ponte della Libertà, infatti, è stato chiuso al transito in entrambi i sensi di marcia per permettere le operazioni di spegnimento ai pompieri e per il fumo che invadeva tutta l'area. Verso le 12.30 il rogo sarebbe stato domato quasi completamente.

Gli automobilisti che transitano in direzione Venezia vengono deviati in via Pacinotti per poi uscire da via dei Petroli attraverso il parco scientifico tecnologico Vega. Fino alle 14 si era formata una lunga coda di autobus e veicoli fermi da Marghera, con gente scesa dai pullman inchiodati sull'asfalto per cercare un po' di sollievo dal caldo. Poi i rallentamenti sono continuati, ma in maniera meno pesante. Fino alle 13 chi proveniva dal centro storico lagunare veniva "dirottato" verso San Giuliano, zona paralizzata stamattina. Poi la riapertura della carreggiata verso Mestre, ma la situazione è stata critica anche per chi percorreva il ponte della Libertà verso i Pili.

 

Alle 15 la carreggiata verso Venezia doveva ancora essere riaperta per problemi nella messa in sicurezza del manto stradale, dove rimanevano ancora detriti e materiali derivanti dalle operazioni di spegnimento. Un'ora più tardi era possibile percorrere una sola corsia, "annullando" quindi la deviazione verso via Pacinotti, poi la situazione è tornata alla normalità.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Mestre

      Viaggio nel "triangolo della droga" di Mestre: "buchi", siringhe e dosi alla luce del sole

    • Mestre

      Blitz della Municipale, spuntano eroina e marijuana. Due pusher colti in flagrante

    • Cronaca

      Rapina al supermercato a Fossò: "Clienti impauriti, mi hanno puntato la pistola contro"

    • Cronaca

      Derubata e scaraventata a terra mentre cammina da sola nella calle a Venezia

    I più letti della settimana

    • Se n'è andato il re dello spritz: è morto l'ex titolare del bar Galliano di via Piave a Mestre

    • Preso il boss della cocaina a Mestre: "Jack" e soci si intascavano 5mila euro a notte

    • Operata nella notte Francesca Moro, tutto il mondo della boxe si stringe al suo fianco

    • Rapina al supermarket, bandito solitario punta la pistola alla cassiera e si fa consegnare i soldi

    • Sbanda e si schianta contro il guard-rail, automobilista ricoverato in Rianimazione

    • "Circondato da 15 pusher che volevano vendermi droga, istituzioni intervenite"

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento