Comune incontra gli arancioverdi, sullo stadio, Korablin: "No comment"

Il sindaco Orsoni e l'assessore allo Sport hanno festeggiato la squadra dell'Unione Venezia Calcio, promossa nella Lega professionistica, Ferrazzi: "Una bandiera per la nostra città"

Un minuto di silenzio per ricordare la tragedia che ha colpito nuovamente l'Emilia Romagna a seguito delle scosse sismiche di questa mattina. È iniziata in questo modo, intorno alle 17.30 a Ca’ Farsetti, la cerimonia in cui il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, e l'assessore comunale allo Sport, Andrea Ferrazzi, hanno incontrato la squadra dell'Unione Venezia Calcio, il presidente russo Yuri Korablin e il direttore sportivo, Oreste Cinquini, per festeggiare assieme la promozione dei giocatori arancioneroverdi nella Lega professionistica.

Il sindaco ha manifestato al presidente Korablin la sua stima per aver saputo prendere e portare avanti la squadra fino all'ultimo successo, mentre ai giocatori sono andati i complimenti per aver dimostrato grande carattere e per aver superato i momenti di crisi “Tenendo duro” grazie anche all'impegno del direttore Cinquini.

L'Unione Venezia Calcio è come una bandiera per la nostra città", ha dichiarato l'assessore Ferrazzi, poiché si tratta di una squadra che "Ha una grande storia, ha avuto dei grandissimi risultati e soprattutto ha sempre mosso la partecipazione e lo spirito di sportività dei veneziani", "Molto legati alla loro squadra”.

Korablin ha deciso di dedicare la vittoria "Alle due città più amate da me, a Venezia e a Mosca" e Orsoni, dopo aver ricordato di aver giocato a calcio per diversi anni, ha ricevuto dal presidente un pallone e una maglietta del Venezia.

La stampa, a margine dell’evento, ha provato a strappare uteriori dichiarazioni al numero uno arancioneroverde circa la complessa questione dello stadio, ma la sua risposta è stata un secco “No comment”. Per mantenere ai tifosi la promessa della serie A in cinque anni, lo ricordiamo, la dirigenza sta spingendo sulla realizzazione della nuova struttura a Tessera, progetto che, tuttavia, Cà Farsetti fatica ad appoggiare, poiché si scontra con le mire espansioniste di Save (società che controlla l'aeroporto Marco Polo), che non intende mollare il suo progetto di costruzione di una seconda pista nello scalo lagunare, avendo ottenuto il sostegno dello stesso governatore Luca Zaia.

Orsoni ha, invece, evidenziato alla stampa quali siano i vari step che il Comune dovrà seguire, ovvero: l’approvazione definitiva del PAT, che dovrebbe avvenire tra circa 90 giorni, comunque prima dell’estate; la definizione dell’accordo di programma; la vendita tramite bando dei terreni del Quadrante che attualmente sono di proprietà della Marco Polo, società pubblica.

Orsoni ha anche detto che, tramite incontro, si dovrà chiudere anche la partita con la Save per le varie questioni aperte. Punti che potrebbero essere stati delineati in un incontro mattutino tra rappresentanti del Comune e il gruppo di lavoro di Korablin.

Annullata, infine, la festa con i tifosi, in programma per questa sera alle ore 21.00 in Piazza Ferretto a Mestre, in segno di solidarietà e rispetto nei confronti delle popolazioni colpite dal terremoto.

Proponiamo la sintesi video dell’incontro.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

  • Badante si schianta con l'auto: aveva un tasso alcolemico di 3,33

Torna su
VeneziaToday è in caricamento