Venezia per 6 giorni diventa capitale della Pace: 300 volontari "in lotta" per il dialogo

Dal 30 luglio a San Servolo summit degli aderenti all'Associazione Intercultura, onlus che promuove programmi scolastici per adolescenti in tutto il mondo: "Così si conquista la pace"

L'incontro a San Servolo

In un momento più che mai delicato per l'Europa, alle prese con i forti flussi di migranti da una parte e dalle minacce del terrorismo dall'altra, un messaggio di pace e di dialogo interculturale arriva dai 300 volontari di tutto il mondo che si daranno appuntamento all’Università Internazionale di Venezia, nell'isola di San Servolo, dal 30 luglio al 4 agosto.

Si tratta del nono appuntamento, quest'anno ospitato dall'Italia, organizzato dall'Associazione Intercultura, onlus che da 60 anni promuove programmi scolastici per adolescenti in tutto il mondo e dalla Federazione Europea per l’Apprendimento Interculturale (EFIL- European Federation for Intercultural Learning), per chiamare a raduno i volontari di ogni età per affrontare le tematiche che stanno alla base del movimento: in primis, la ricerca della pace attraverso il dialogo interculturale. Infatti, nel suo primo secolo di vita, l’organizzazione internazionale che riunisce l’EFIL e Intercultura, l’AFS (American Field Service), in origine si è occupata di soccorso umanitario alle popolazioni coinvolte nelle due guerre mondiali e, così facendo, ha appreso il valore della riconciliazione e dell'educazione alla convivenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'agenda di questa edizione del "Volunteer Summer summit" dal titolo “Education for Peace. The Challenge of Living Together”, infatti, ci saranno  una serie di testimonianze portate da individui e organizzazioni che operano oggi nel settore dei soccorsi umanitari, della riconciliazione dopo un conflitto e dell'educazione dei giovani a vivere pacificamente insieme tra popoli di cultura, lingua e tradizione diverse. Ogni relatore presenterà il caso della sua organizzazione in una serie di seminari paralleli della durata di tre ore. "Largo spazio - assicurano gli organizzatori - sarà dedicato ad attività interattive dedicate alla realtà veneziana". L’evento è patrocinato dal Fondo Europeo della Gioventù del Consiglio d’Europa e ha potuto contare sul sostegno di Pirelli, della Fondazione Lorenzo Bergamini, del Banco Popolare di Verona e della Parmalat.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento