Pedopornografia, perquisizioni anche a Venezia

Due arresti e una decina di indagati. Sequestrati materiale informatico e cellulari

Due arresti e, in totale, una decina di indagati: sono i numeri di un'indagine della polizia postale del Veneto sullo scambio di materiali pedopornografici attraverso il servizio di messaggistica Kik. Gli agenti hanno eseguito una serie di perquisizioni tra le province di Venezia, Verona, Vicenza, Roma, Bari, Agrigento, Cremona, Alessandria e Pescara. 

Tra gli indagati c'è anche un minorenne. Secondo gli investigatori, si sarebbero procurati materiale pedopornografico attraverso la chat. A seguito delle perquisizioni sono stati arrestati un 22enne residente nella provincia di Vicenza e un 47enne residente nella provincia di Alessandria. Sono stati posti sotto sequestro parecchi dispositivi informatici utilizzati dagli indagati per inviarsi i files.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • «Ha fotografato le mie bimbe in vaporetto»: nel telefono la polizia trova decine di foto di minori

  • Ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Coda verso Venezia al mattino. Pressione sui mezzi nel corso della giornata

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Ubriaco, picchia una ragazza e i carabinieri: neutralizzato con 2 dosi di sedativo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento