Pedopornografia, perquisizioni anche a Venezia

Due arresti e una decina di indagati. Sequestrati materiale informatico e cellulari

Due arresti e, in totale, una decina di indagati: sono i numeri di un'indagine della polizia postale del Veneto sullo scambio di materiali pedopornografici attraverso il servizio di messaggistica Kik. Gli agenti hanno eseguito una serie di perquisizioni tra le province di Venezia, Verona, Vicenza, Roma, Bari, Agrigento, Cremona, Alessandria e Pescara. 

Tra gli indagati c'è anche un minorenne. Secondo gli investigatori, si sarebbero procurati materiale pedopornografico attraverso la chat. A seguito delle perquisizioni sono stati arrestati un 22enne residente nella provincia di Vicenza e un 47enne residente nella provincia di Alessandria. Sono stati posti sotto sequestro parecchi dispositivi informatici utilizzati dagli indagati per inviarsi i files.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento