Sicurezza sul lavoro, più incidenti e morti: Cgil torna a chiedere il potenziamento degli Spisal

«Il 2018 anno nefasto: 115 vittime in regione e oltre 70 mila infortuni. Il piano assunzioni di 30 tecnici non è altro che la sostituzione del personale cessato per pensionamento, nulla di aggiuntivo»

Foto: Incidenti sul lavoro, archivio

La Cgil torna a parlare di incidenti mortali e infortuni sul lavoro. Di fronte al dato di fatto dell'aumento degli incidenti nel 2018 in Veneto, dice la Funzione Pubblica, «il potenziamento che doveva essere effettuato negli Spisal è rimasto promessa vana. L'anno appena passato ha fatto registrare alla nostra regione 115 vittime e oltre 70.000 infortuni non mortali nei posti di lavoro. Oggi la Regione pare pensare a un incremento di personale non aumentando le risorse, ma finanziandolo con i soldi degli incentivi dati ai tecnici. È questo il grande investimento promesso da Zaia di nove milioni e mezzo per le assunzioni?»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spisal

«Gli Spisal (Servizio prevenzione igiene sicurezza ambienti di lavoro), devono essere numericamente congrui per garantire l’erogazione dei Lea e il funzionamento del sistema. La presenza media di tecnici di vigilanza ed ispezione nel territorio Veneto – prosegue Giordano - è nettamente inferiore rispetto a regioni analoghe alla nostra. Attualmente gli organici presenti nel territorio veneto sono insufficienti per garantire tutto questo. Lo stesso presidente Zaia si era impegnato, nel maggio 2018, a varare un piano strategico di intervento e rafforzare gli Spisal attraverso l’assunzione straordinaria di ispettori per incrementare il lavoro di prevenzione, vigilanza e formazione necessari. Ma quello sbandierato piano assunzioni straordinario di 30 tecnici non è altro che la sostituzione del personale cessato per pensionamento negli anni precedenti. Nulla in più, nulla di aggiuntivo. Chiediamo al presidente Zaia - conclude la Cgil Funzione Pubblica - di tener fede agli impegni, che si finanzino le assunzioni straordinarie con risorse integrative, che si convochi urgentemente un tavolo regionale per affrontare l’emergenza organici negli Spisal».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento