Vongolari abusivi scoperti in laguna: prima l'inseguimento in barca, poi la fuga a piedi

Inseguimento durante la notte a Venezia. I pescatori sono riusciti a evitare i controlli, ma sono finiti in secca e hanno abbandonato il barchino

Alcune persone sono riuscite a fuggire dopo essere state scoperte nell'attività di raccolta di vongole in zona proibita, nei pressi del canale dei Petroli. È successo l'altra notte: i finanzieri del reparto aeronavale di Venezia hanno avvistato il barchino sospetto e si sono avvicinati per effettuare le verifiche del caso, ma i pescatori abusivi erano pronti per la fuga: sono corsi via a gran velocità e nel frattempo hanno puntato un grosso faro contro la barca della guardia di finanza, nel tentativo di accecare gli inseguitori.

Inseguimento in laguna

Il barchino dei fuggitivi si è diretto in zone di acqua più bassa, fino ad arenarsi. A quel punto gli occupanti sono scesi dal natante e sono scappati a piedi via terra, dileguandosi nella sterpaglia della terraferma veneziana. I militari hanno atteso l'alta marea per recuperare il barchino e, con esso, tutta l'attrezzatura e gli oggetti personali che erano stati abbandonati. Il materiale è ora a disposizione dell'autorità giudiziaria, che cercherà di identificare i fuggitivi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Bomba day: 3.500 persone da evacuare e blocco viabilità. Ecco le vie interessate

  • Dramma a Venezia: uomo si toglie la vita lanciandosi dalla finestra

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

  • Preso l'uomo che si aggirava con un coltello tra le calli di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento