Scooter non si ferma, inseguimento a Jesolo: poliziotto trascinato, in tre all'ospedale

Rocambolesca "caccia" della polizia nella notte di venerdì. Un minorenne non ha rispettato l'alt, in sella anche una coetanea senza casco. Feriti entrambi, oltre ad un agente

Lo scooter sfreccia nella notte a Jesolo, la polizia gli si mette alle calcagna e ne nasce un inseguimento ad alta velocità tra le vie della città. E il bilancio della "bravata" (di questo si tratta, visto che non risultano particolari motivi per cui lo scooterista avrebbe dovuto fuggire alle forze dell'ordine) è di tre feriti: i due giovanissimi a bordo del due ruote ed un poliziotto che, impavidamente, ha letteralmente agganciato il ragazzo venendo trascinato per decine di metri.

Tutto inizia alle 2.40 circa, nella notte tra venerdì e sabato: le pattuglie del commissariato, impegnate in normali servizi di controllo, intercettano lo scooter, un Derbi 125, mentre corre a forte velocità in centro a Jesolo Lido. In sella, oltre al conducente, c'è una ragazza senza casco. I due non si fermano all'alt e proseguono nella loro folle corsa, così le volanti si mettono al loro inseguimento a sirene spiegate. Il tallonamento prosegue per un lungo tratto tra via Bafile, via Aleardi e altre ancora, per poi tornare nella zona più frequentata della località balneare, nell'area di piazza Mazzini.

È qui che finalmente lo scalmanato viene raggiunto e bloccato, solo provvisoriamente però. C'è un momento di confusione, il motociclo forse cade e uno dei poliziotti cerca di trattenere il conducente: ma quest'ultimo anziché arrendersi, ancora con la mano salda sull'acceleratore, dà gas nuovamente e trascina con sé l'operatore per circa una sessantina di metri, prima di rovinare per un'ultima volta al suolo. Trascinando a terra con sé sia la passeggera che l'agente di polizia. Tutti e tre rimangono feriti e vengono soccorsi dai sanitari del 118 per poi essere trasportati in ospedale: il conducente, 17enne di Milano, riporta ferite giudicate guaribili in 8 giorni; va peggio alla ragazza, coetanea di Musile, che ne avrà almeno per 10 giorni; 5 giorni di prognosi, invece, per l'agente.

I due risultano negativi ai test alcolemici e tossicologici, non avevano con sé droga o materiale illegale di altro tipo. Per il tipo di patentino in suo possesso, comunque, il conducente non aveva il permesso di trasportare la passeggera, che oltretutto non indossava il casco. Oltre alle infrazioni al codice della strada, ovviamente, il minorenne dovrà rispondere penalmente per lesioni stradali e resistenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

76c37dcd-e417-4973-8c03-9b180e38d6e5-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finiscono in acqua dal vaporetto, morte due donne

  • Addio ad Ambra, morta a 31 anni

  • Bollettino contagi e ricoveri per Covid-19 domenica mattina, regione e provincia

  • Coldiretti Venezia: si raccolgono adesioni per il lavoro in campagna

  • Bollettino serale, registrati tre decessi in provincia

  • Il bollettino Covid-19 del 3 aprile sera: ancora morti, calano i ricoveri

Torna su
VeneziaToday è in caricamento