Strage sfiorata: folle corsa in autostrada a zigzag, poi lo schianto su altre auto

Un trentenne straniero ha seminato il panico lungo l'A4 da Verona al Veneziano lanciandosi a bordo di un furgone in manovre spericolate terminate con un incidente e il fermo

Attimi di terrore giovedì mattina lungo il tratto veneto dell'autostrada A4, teatro della folle corsa di un furgone guidato da un 32enne albanese. L'allarme è scattato alle 8.30 quando i numeri di emergenza hanno cominciato a registrare ripetute chiamate da automobilisti che viaggiavano in direzione di Venezia. Tutti segnalavano un furgone bianco lanciato ad alta velocità, che zigzagava tra gli altri veicoli e aveva rischiato a più riprese gravissimi incidenti. Le prime telefonate lo individuavano nel Veronese, per poi spostarsi verso le province di Vicenza e Padova. All'inseguimento si sono subito poste le pattuglie del compartimento veneto della polizia stradale, partendo dal capoluogo scaligero e trovando poi i rinforzi dei colleghi berici ed euganei.

Gli incidenti

Inutili i numerosi tentativi di rallentarne la corsa, terminata solo quando si è verificato il peggio. Subito dopo il confine tra Padova e Venezia, all'imbocco dello svincolo per la A57, il furgone impazzito ha speronato e travolto alcune automobili che procedevano nel suo stesso senso di marcia. A bordo di una di queste c'era una madre con i due figli di pochi anni, tutti finiti al pronto soccorso ma fortunatamente con ferite lievi e guaribili in pochi giorni.

Il fermo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Costretto a fermarsi, il 32enne in pochi secondi si è trovato addosso gli agenti ma, in preda a una fortissima ed evidente agitazione, si è scagliato loro addosso venendo definitivamente immobilizzato. L'uomo, dichiarato in stato di fermo e trasferito negli uffici della Polstrada di Venezia, si vede ora contestare i reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiali. Oltre a questi non è escluso che venga accusato anche di fuga a seguito di incidente. La polizia ne ha contattato i familiari che come lui vivono a Pescantina (Verona), i quali hanno confermato che il 32enne operaio da qualche tempo manifestava dei comportamenti inusuali, seppur mai si fosse reso protagonista di episodi tanto gravi, essendo stato fino ad oggi incensurato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Spara e uccide l'ex marito della compagna: arrestato

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento