Intervista ai "venetisti" a San Marco, intervengono i carabinieri

Venerdì pomeriggio una troupe russa intendeva girare un servizio in vista del prossimo referendum sull'indipendenza. Sta indagando la Digos

In piazza San Marco spunta qualche gonfalone e qualche slogan in vista di un'intervista della televisione russa ad alcuni venetisti. Intento giornalistico, a quanto pare. Dato che tra pochi giorni ci sarà il referendum per l'indipendenza del Veneto. Come riporta il Gazzettino, però, nel salotto della città sono intervenuti però anche i carabinieri. L'allerta, infatti, è stata lanciata da due militari in servizio di controllo della piazza.

Sono transitati proprio nel momento in cui alcuni dei futuri intervistati hanno tirato fuori i vessilli (compresi alcuni cartelli con scritte in cirillico). Accompagnati forse da qualche parola di troppo nei confronti dei rappresentanti dello Stato. I presenti dunque sono stati fermati e identificati al pari delle giornaliste, che mai con ogni probabilità si sarebbero aspettate di incappare in una situazione del genere.

A contribuire ad accendere gli animi le frasi proferite da un venetista più "animato" degli altri al momento dei controlli. Due di loro alla fine sono stati trattenuti nella caserma di San Zaccaria per accertamenti per circa un'ora. Il caso ora è finito sotto la lente d'ingrandimento della Digos, che dovrà stabilire se quell'intervista in verità non abbia assunto i connotati di una corteo non autorizzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Identificato un corpo trovato nel Piave: è Mattia Bon, scomparso l'estate scorsa a Sappada

  • Schianto a Caltana, morta una ragazza di 25 anni

  • Un morto sui binari a Porto Marghera

  • 57enne muore soffocato da un pezzo di torta

  • Giovedì il funerale di Sara Michieli, morta in un tragico incidente stradale

  • Schianto contro un muretto in cemento, perde la vita

Torna su
VeneziaToday è in caricamento