Fuga di acido e cloro nel camping, nove persone restano intossicate

Imprevisto in una sala di fianco alle piscine, all'interno del "Garden Paradiso" di Cavallino. L'episodio alle 10 di giovedì, ambulanze e pompieri sul posto

Un incidente, probabilmente causato per errore dal mescolamento tra cloro e acido solforico, ha causato lo sprigionamento di una nube tossica in un camping di Cavallino Treporti. Nove persone sono rimaste coinvolte nella mattinata di giovedì da un'intossicazione all'interno del "Garden Paradiso" di via Baracca: l'episodio in una sala adiacente alla piscina della struttura ricettiva, mentre era in corso un intervento di manutenzione. Sarebbero stati coinvolti sia dipendenti della struttura che ospiti.

Sono in corso gli accertamenti, ma secondo una prima ricostruzione dei vigili del fuoco la nube tossica si sarebbe sprigionata quando per errore il tubo dell'acido è stato inserito nella cisterna del cloro. Le sostanze venute in contatto tra loro hanno creato una miscela tossica che ha colpito tre operai, degli addetti al campeggio e alcuni ospiti che erano in piscina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Subito sono stati chiamati i soccorsi, sul posto si sono portate due squadre dei vigili del fuoco e i mezzi del Suem 118. Inizialmente sono intervenute due ambulanze di base a Cavallino, con medico a bordo. Al loro arrivo sul posto cinque persone presentavano sintomi di irritazione delle prime vie aeree: una di queste ha rifiutato il trasporto in ospedale, mentre gli altri sono stati portati due al Civile di Venezia, dopo il trasferimento a bordo dell'idroambulanza, e due all’ospedale di San Donà di Piave. Successivamente altre quattro persone hanno manifestato analoghi segni di irritazione: tre sono finiti al nosocomio di Jesolo, una a quello di San Donà. Al momento nessun paziente risulta in condizioni gravi. Nella struttura, per i rilievi del caso, sono intervenuti anche i tecnici dello Spisal dell'Ulss 12, che si occupano di incidenti sul lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si alza il rischio di contagio, in Veneto regole più severe: lunedì nuova ordinanza

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Pestaggio nella notte a Jesolo, uomo in ospedale lotta tra la vita e la morte

Torna su
VeneziaToday è in caricamento