Ire e Antica Scuola del Battuti: le due Ipab dal primo gennaio stanno assieme

La fusione in base a un decreto regionale. Nasce la nuova Ipav: Istituzioni pubbliche di Assistenza Veneziane con sede legale a palazzo Contarini del Bovolo

Palazzo Contarini del Bovolo

Ipab Istituzioni di Ricovero e di Educazione di Venezia (Ire) e Ipab Antica Scuola dei Battuti di Venezia Mestre: c'è la fusione per unione in base al decreto 169 del 9 dicembre scorso della Regione, nella nuova Ipab Istituzioni pubbliche di Assistenza Veneziane (Ipav).

La fusione

Le due Ipab, si legge nel testo del protocollo della giunta regionale, «hanno comunicato che già collaborano allo scopo di valorizzare e ottimizzare le risorse di entrambe le istituzioni. La fusione delle due Ipab persegue l'obiettivo di porsi in linea con gli sviluppi normativi che hanno visto il superamento del carattere caritatevole e discrezionale degli interventi ti sociali, a favore di un vero e proprio sistema di sicurezza sociale a garanzia dei diritti sociali. Preso atto - si legge poco più avanti - della necessità di provvedere all'approvazione del nuovo statuto dell'Ipab in via di istituzione, la Regione decreta di approvare la fusione in senso stretto delle Ipab Istituzioni di Ricovero e di Educazione (Ire) di Venezia e  Antica scuola dei Battuti di Venezia Mestre e di approvare l'Ipab denominata: Istituzioni pubbliche di Assistenza Veneziane (Ipav) con sede a Venezia». Ipav è una istituzione pubblica di assistenza e beneficienza, la data di nascita è fissata al primo gennaio 2020. La sede legale è prevista a San Marco, Palazzo Contarini del Bovolo. 

Politiche sociali

Questa fusione, commenta Gabriele Scaramuzza segretario regionale di Articolo Uno, nasce anche dalla «necessità di adeguare i servizi di natura socio-assistenziale alla mutata realtà della nostra società, in cui la non autosufficienza, la domiciliarità, il dopo-di-noi, costituiscono per un numero sempre maggiore di famiglie situazioni concrete con cui misurarsi. Questa fusione - continua - è la dimostrazione che il pubblico, tanto più quello gestito dalle autonomie locali, è in grado di esprimere un primato. L’auspicio è che il percorso attuativo della nuova istituzione avvenga con il pieno coinvolgimento delle forze sociali e sindacali, salvaguardando ed esaltando le specificità che Ire e Antica Scuola dei Battuti esprimevano - mentre la Regione - da troppi anni non rende concreta la riforma delle Ipab, come non ha mai fissato, venendo meno ad un obbligo di legge, i livelli essenziali dell’assistenza sociale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dati aggiornati sul contagio in Veneto e in provincia

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Mutui per prima casa sospesi dai decreti Conte ma alcune banche trattengono la rata

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

Torna su
VeneziaToday è in caricamento