homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Katharina Miroslawa è libera, esce di cella la donna del cold case di Parma

L'ex ballerina polacca secondo la giustizia italiana fu la mandante dell'omicidio dell'imprenditore parmense Claudio Mazza, suo amante, nel 1986. L'esecutore materiale l'ex marito della donna

Katharina Miroslawa è di nuovo una donna libera. A 26 anni dal 'delitto di Carnevale', che il 9 febbraio 1986 costò la vita all'imprenditore parmigiano Carlo Mazza, di cui Katharina era l'amante, l'ex ballerina polacca - riferisce l'edizione online della Gazzetta di Parma - ha pagato il suo debito con la giustizia, che la condannò come mandante di quell'omicidio, commesso materialmente dall'ex marito di Katharina, Witold, che più volte ha poi cercato di scagionarla. O meglio, Katharina ha finito di pagare quel debito in carcere, a Venezia: ora sarà affidata ai servizi sociali, ma il suo tempo in prigione si è concluso. Non dovrà fare più ritorno in cella.

Miroslawa, 50 anni, che già da tempo usufruiva di permessi premio, aveva ottenuto lo scorso anno dal giudice di sorveglianza di Venezia il permesso a lavorare all'esterno del penitenziario e di frequentare lezioni all'Università. Il beneficio le era stato concesso su proposta della direttrice del carcere della Giudecca, Gabriella Strassi, dopo che anche gli assistenti avevano confermato il "comportamento esemplare" della detenuta.

La donna si recava nel laboratorio di una cooperativa di sartoria di Venezia, dove alla macchina da cucire confezionava abiti, maschere e borse da lei stessa disegnate, grazie al diploma di 'tecnico dell'abbigliamento e della moda conseguito qualche anno prima in una scuola di Padova. Katharina Miroslawa, condannata in via definitiva nel febbraio 1993 a 21 anni e sei mesi per l'assassinio di Mazza, era rimasta sette anni latitante, fino all'arresto avvenuto a Vienna il 3 febbraio 2000.

Da lì in poi la sua vita era proseguita in una cella del carcere femminile alla Giudecca. L'ex ballerina ha sempre professato la propria innocenza, sostenendo che il delitto sarebbe stato compiuto dall'ex marito Witold Kielbasinki per gelosia. In carcere era divenuta anche molto religiosa. (ANSA)

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Confermato quest'anno il Redentore diffuso: la regia della sicurezza sarà "galleggiante"

    • Mestre

      La storia di Manola ha fatto breccia sul web, tutti in trincea: "Noi vedovi ci faremo sentire"

    • Politica

      Brugnaro promuove il suo primo anno di lavoro a Ca' Farsetti: "E' solo l'inizio"

    • Cronaca

      Vede il ladro che gli ruba la bicicletta, lo "pedina" e riesce a bloccarlo a Jesolo

    I più letti della settimana

    • Caorle, una ragazza si toglie la vita a 23 anni. Sventato un secondo tentato suicidio

    • Picchiano i ragazzini, poi i carabinieri a Dolo: due scalmanati in manette, quattro feriti

    • "Io, giovane vedova, non ho il diritto di avere i miei due figli piccoli a carico. Che assurdità"

    • Jesolo, ubriaco e neopatentato alla guida: 20enne finisce nel Sile con l'auto

    • Non ce l'ha fatta il venditore di rose investito, è spirato in ospedale: "Non sia morto invano"

    • "Sono fortunato a essere ancora vivo: fiamme violente, fumo irrespirabile"

    Torna su
    VeneziaToday è in caricamento