«Al ladro, al ladro», tassista sventa il furto di biciclette in stazione

È successo ieri a San Donà. I due ladri, uno pregiudicato, sono stati denunciati dalla Municipale. Stessa sorte per un ubriaco che importunava delle minorenni

Stavano rubando due biciclette nei pressi della stazione ferroviaria di San Donà, quando un tassista gli ha messo i bastoni tra le ruote. «Al ladro, al ladro!», avrebbe gridato l'uomo, attirando l'attenzione di un poliziotto fuori servizio e di una pattuglia della polizia locale in transito. Per la coppia di ladri è scattata la denuncia per tentato furto aggravato in concorso.

Ladri denunciati

I due giovani hanno cercato di accampare delle scuse - «Le bici sono di una nostra parente» - per evitare che il tassista chiedesse aiuto. Ma la motivazione, goffa, non ha sortito l'effetto desiderato. Una volto scoperti, uno dei ragazzi, già noto alle forze dell'ordine e pregiudicato per una lunga serie di reati minori, si è dato alla fuga, nel tentativo di non peggiorare la sua già precaria situazione. Un tentativo vano, che non gli ha fatto scampare la denuncia.

Ubriaco, importuna delle minorenni

Nella stessa giornata di ieri, gli agenti della Municipale hanno denunciato un cittadino di origine nordafricana che in evidente stato di ubriachezza aveva importunato delle ragazze minorenni nei pressi della stazione Atvo di San Donà. L'uomo, fuori di sé, avrebbe anche cercato di evitare i controlli del caso, spintonando e dimostrandosi poco collaborativo con gli agenti.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • Incidente fra mezzi pesanti sulla A4 a San Stino, un morto

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento