Lav contro la caccia, manifestazione a Venezia: "In marcia domenica contro i fucili"

La lega anti vivisezione approda in laguna a sostegno della proposta di legge e a favore della protezione degli animali. Pronta anche una raccolta firme. Corteo da Santa Lucia in Strada Nova

#Bastasparare. E' lo slogan della Lav, l'associazione anti vivisezione, che domenica sarà in manifestazione a Venezia per dire "Stop alla caccia", con molte decine di attivisti e volontari riconoscibili da mantelle arancioni, lungo un percorso che partendo da Santa Lucia passerà per Strada Nova fino a Rialto, con arrivo intorno alle 11, e ritorno. Una mattinata per informare e coinvolgere cittadini e turisti con la campagna Lav lanciata lo scorso 21 ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raccolta firme 

Lungo tutto il percorso saranno distribuiti volantini per illustrare il progetto di legge, che prevede l’abolizione di qualsiasi forma di caccia e la protezione effettiva degli animali selvatici. Sarà anche possibile firmare la petizione a sostegno del progetto di legge, che in solo un mese ha già raccolto quasi 50.000 firme nelle piazze e online (http://www.lav.it/petizioni/bastasparare).
 
“La caccia è da sempre avversata dalla stragrande maggioranza dei cittadini italiani. L’80% circa ne vorrebbe l’abolizione immediata, ma fino a oggi l’argomento non è mai entrato nell’agenda della politica nazionale, per questo la Lav ha predisposto il progetto di legge, da presentare a Parlamento e governo che si insedieranno dopo le elezioni della prossima primavera”, ha dichiarato Massimo Vitturi, responsabile Lav, Area Animali selvatici.
 
“Quella di domenica sarà un’iniziativa gioiosa per dire basta alla violenza dei fucili, basta a un’attività che miete ogni anno milioni di vittime animali e molte vittime umane – aggiunge Vitturi –. Ogni anno, infatti, sono decine le persone uccise o ferite da cacciatori all’inseguimento delle loro vittime. Solo qualche giorno fa a Martellago, proprio in provincia di Venezia, è stata sfiorata la tragedia quando un cacciatore sparando da distanza ravvicinata verso una casa, ha colpito la finestra della camera dei bambini".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: la mascherina non sarà più sempre obbligatoria

  • Dagli scavi in A4 è emersa un’imponente struttura di epoca romana

  • Bacaro chiuso 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

  • Incendio ad un'azienda agricola in Riviera

  • Dal primo giugno tutto il personale Actv torna in servizio

  • Casa del sesso in centro a Mestre: arrestata una donna

Torna su
VeneziaToday è in caricamento