Dizionario della lingua dei segni online, merito anche di Ca' Foscari

L’università di Venezia lancia in Italia “Spread the Sign” con un evento al quale parteciperanno ricercatori e interpreti da 15 paesi europei

L’università Ca' Foscari di Venezia lancia in Italia “Spread the Sign”, primo video-dizionario online delle lingue dei segni del mondo, con un evento al quale parteciperanno ricercatori e interpreti da oltre 15 paesi europei, in programma lunedì alle 11 nell’aula Baratto della sede centrale cafoscarina.

LINGUA UNIVERSALE - Il dizionario web rappresenta la più grande sfida al mondo nell’ambito delle lingue dei segni. Spread the sign (www.spreadthesign.com) è un progetto internazionale “Leonardo da Vinci” nell’ambito del trasferimento tecnologico, supportato dalla Commissione Europea attraverso l’ufficio per il programma internazionale svedese di educazione e formazione. Più di 24 lingue dei segni diverse da tutto il mondo, più di 100mila segni raccolti in un unico video-dizionario fruibile gratuitamente da computer, tablet, smartphone e applicazioni. Come amano scrivere i coordinatori svedesi, “solo l’immaginazione può fissare i limiti all’uso di questo dizionario multilingue”. Il progetto nasce nel 2008 e ha coinvolto nel tempo sempre nuovi paesi e sempre più vocaboli. Prevede ora anche la lingua dei segni italiana (LIS), grazie al contributo del team di sordi madrelingua LIS e esperti linguisti del dipartimento di Studi Linguistici e Culturali Comparati dell’università lagunare. Durante l’evento di lancio, gli interventi dei relatori saranno tradotti simultaneamente in 15 lingue dei segni.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

  • 5 consigli per favorire il benessere intestinale

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento