La pioggia spazza via le polveri sottili: "Se continua così giovedì toglieremo i divieti"

Dalle prime ore di mercoledì pm10 sotto i livelli di guardia nel Veneziano. Decretata l'allerta arancione dopo i ripetuti sforamenti. Il sindaco Brugnaro: "Puntare su progresso e sviluppo"

Arriva la pioggia e subito il livello di polveri sottili nel territorio veneziano rientra (almeno per il momento) sotto il livello di guardia. Le precipitazioni che dovrebbero insistere per tutta la giornata di mercoledì permetteranno alla terraferma e alla laguna di "respirare" dopo i ripetuti sforamenti di pm10 registrati durante le giornate a cavallo del Natale. "Se il bollettino Arpav di giovedì certificherà il ritorno a livelli inferiori ai limiti cesserà l'allerta arancione", conferma l'assessore alla Viabilità, Renato Boraso. 

Verso lo stop all'allerta

Per ora il trend è chiaro: secondo la centralina posizionata nella zona del parco Bissuola, infatti, le polveri sottili a partire da mercoledì mattina si sono fermate sotto i fatidici 50 microgrammi per metro cubo d'aria. Dopo una lenta decrescita notturna, alle 8 le pm10 si attestavano a 48 microgrammi per metro cubo, per poi raggiungere i 43 microgrammi due ore più tardi. Stesso copione anche per la centralina situata in Rio Novo in laguna, dove alle 10 si sono registrati 45 microgrammi di polveri sottili. Il trend è chiaro, dunque è possibile che l'allerta a breve potrebbe rientrare, tanto più che le previsioni meteo indicano possibili piogge anche nei prossimi giorni. 

pm10 ok-2

Brugnaro: "Credere nello sviluppo" 

Il punto è che allo stato Pianura Padana e gran parte del Nord Italia dipendono dal meteo: o piove o in periodi di siccità prolungata gli sforamenti sono automatici. "L’unica strada per affrontare i problemi dell’inquinamento è credere nella tecnologia e nello sviluppo", ha dichiarato su Twitter martedì il sindaco Luigi Brugnaro, che si è sempre mostrato critico nei confronti di blocchi del traffico e domeniche ecologiche, rilanciando un articolo sull'intesa siglata tra Toyota e Comune di Venezia per lo sviluppo di mobilità ad idrogeno. 

brugnaro twitter-2

I divieti

Allo stato in ogni caso i divieti alla circolazione previsti dal livello arancio sono ancora in vigore: dalle 8.30 alle 18.30 tutti i veicoli privati a benzina più inquinanti (euro 0 ed euro 1), oltre che i diesel euro 0, 1, 2, 3 e 4 dovranno rimanere ai box. Idem per i motocicli euro 0 a due tempi. I veicoli commerciali euro 0, 1, 2 e 3 non si potranno muovere dalle 8.30 alle 12.30. Per chi potrà circolare (sono ok i mezzi a metano, Gpl, ibridi ed elettrici) attenzione al divieto di sostare con il motore accesso. In casa stop al riscaldamento domestico a biomassa fino alla classe 2, mentre sono naturalmente vietati falò e fuochi d'artificio, a meno che non ci siano manifestazioni autorizzate. Per Capodanno e l'Epifania bisognerà con ogni probabilità chiedere il nulla osta al Comune. 

allerta antismog-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ordigno a Marghera. Evacuazione di 3mila persone, niente treni e aerei: Venezia sarà isolata

  • Bollo auto, tutte le novità del 2020 dagli sconti alle nuove modalità di pagamento

  • Una donna si è data fuoco davanti al tribunale dei minori di Mestre

  • Appartamento dello spaccio "vista piazza": 30enne in manette a Marghera

  • Preso l'uomo che si aggirava con un coltello tra le calli di Venezia

  • Allarme coronavirus (poi rientrato) per un bambino cinese all'aeroporto di Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento