Madre e figlia rubano il portafoglio e tentano di prosciugarle il conto

Il furto nel tardo pomeriggio di sabato nell'ospedale di Chioggia. Arrestate una 47enne e una 25enne. Sono state sorprese in flagrante

Hanno fiutato l'occasione e ci si sono buttate a capofitto. Solo che stavolta la loro ingordigia le ha portate all'arresto. Madre e figlia sono finite in manette nel tardo pomeriggio di sabato con l'accusa di furto aggravato e tentato utilizzo fraudolento di mezzi di pagamento elettronico, il che vuol dire semplicemente che dopo aver trafugato un portafoglio a una giovane donna sui trent'anni di Rosolina avevano provato a prosciugarle il bancomat. Senza riuscirci.

Il colpo è stato assestato nella sala d'attesa del reparto di Ginecologia dell'ospedale di Chioggia. Tra le donne in attesa, oltre alla derubata, anche una madre e una figlia, la prima di 47 anni, la seconda di 25. Le due erano sedute vicino all'altra persona, la quale a un certo punto si alza perché riceve una telefonata. Le compari adocchiano la borsa rimasta incustodita e decidono di entrare in azione. La figlia a sua volta si alza e finge di ricevere anche lei una telefonata, posizionandosi in modo da nascondere la visuale a colei che verrà derubata.

A quel punto la madre ha campo libero per insinuare la mano nella borsa e impossessarsi del portafoglio. Per poi con una scusa lasciare il reparto e andarsene con la complice. A un certo punto la donna rodigina riceve un SMS dalla propria banca, che l'allerta che qualcuno sta tentando di prelevare con la sua tessera in più sportelli automatici. Subito capisce che con ogni probabilità erano le due donne che poco prima stavano aspettando con lei il proprio turno. Immediata la chiamata al 112, che possono contare su una descrizione dettagliata delle presunte ladre. Vengono individuate nelle vicinanze dell'istituto sanitario, dopo che avevano cercato di prelevare con il bancomat della vittima di turno. Nel portafoglio, infatti, oltre a poche decine di euro, anche un foglietto con dei codici. Madre e figlia pensavano potesse trattarsi del Pin del bancomat. Ma niente di tutto ciò. Per loro inevitabile l'arresto in flagrante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Scorzè: camionista investito e ucciso nella notte

  • Truffatore online per anni, lo vanno a prendere nel suo appartamento

  • Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: l'affluenza si ferma al 21,73%

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Scoperta a rubare vestiti, aggredisce il direttore e gli punta le forbici in faccia

  • Referendum per la separazione di Venezia e Mestre: affluenza al 21,7%. Sì al 66%

Torna su
VeneziaToday è in caricamento