Rifiuti tossici, Bettin: "Gli occhi delle ecomafie su Porto Marghera"

L'assessore all'Ambiente mette nel mirino l'autorizzazione della Regione al potenziamento dell'impianto Alles: "Saranno difficili i controlli"

Porto Marghera (foto Nicola Zuliani)

E' in gran parte dedicato al traffico di rifiuti tossici nel Veneto e, in particolare, alla situazione esistente a Porto Marghera il primo “Quaderno” dell’Osservatorio Ecomafie Ambiente e Legalità, sostenuto dal Comune di Venezia e da Legambiente del Veneto. “Focus rifiuti”, questo il titolo del dossier, è stato presentato questa mattina, al Municipio di Mestre, dall’assessore comunale all’Ambiente, Gianfranco Bettin, il coordinatore dell’Osservatorio, Gianni Belloni, la ricercatrice Laura Fregolent, il presidente di Legambiente del Veneto, Luigi Lazzaro.

“Questo – ha spiegato Bettin – è il frutto di un lavoro che l’Osservatorio ha compiuto per più di un anno. Il traffico illegale di rifiuti vale quasi 150 milioni di euro l’anno e colloca il Veneto al primo posto in Italia. Lo studio ha però accertato che qualcosa sta cambiando. Intanto per quanto riguarda il modo di operare delle organizzazioni criminali che, truccando documentazioni, dati, codici, permessi, e operando all’interno di imprese in parvenza irreprensibili, mirano a far sì che un rifiuto, anche se irregolare, risulti sulla carta regolare. Cambiano anche le rotte del traffico: non più quella, tradizionale, da Nord a Sud, ma verso regioni settentrionali come Lombardia, Friuli o Toscana”.

Destinazioni che peraltro, come ha sottolineato Belloni, sono solo una “tappa”, in attesa di trasportare i rifiuti all’estero, nel nord Europa. Nel rapporto Dia 2011 si legge che la mafia si è infiltrata “oltre che nel Veneto orientale, anche a Venezia, a Porto Marghera, nel traffico di rifiuti. Ecco perché – ha spiegato Lazzaro – è importante il lavoro quotidiano dell’Osservatorio, che svolge un’attività di controllo e insieme di informazione alle istituzioni e ai cittadini”.

“A Porto Marghera – ha sottolineato Bettin – è senza dubbio iniziata una nuova stagione: oggi c’è un sistema di controlli molto efficace, che fa si che vengano smaltiti legalmente solo i rifiuti pericolosi effettivamente prodotti nel nostro territorio. Un sistema che però rischia di saltare dopo che la Giunta regionale ha dato il via libera all’operazione proposta da Alles spa, autorizzando, non solo quest'ultima ma, grazie anche a una variante urbanistica imposta d'imperio al piano regolatore dell'area industriale (contro cui Ca' Farsetti è ricorsa al Tar, ndr) qualsiasi impresa che volesse farlo, a stoccare rifiuti tossico-nocivi provenienti da qualsiasi parte del mondo. Il rischio di aprirsi ad avventurieri e a criminali viene di fatto così moltiplicato: spero perciò vivamente che il governo veneto ritiri questa delibera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto a 17 anni: sospetta overdose da psicofarmaci

  • Due casi di overdose in poche ore a Mestre, morto un 24enne

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Tour fotografico nella ex Sirma, fabbrica abbandonata a Porto Marghera

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

Torna su
VeneziaToday è in caricamento