Ex mala del Brenta in manette per spaccio

Arrestato in flagrante dai carabinieri di Campagna Lupia. Aveva installato un sistema di videosorveglianza a casa sua per controllare l'arrivo eventuale di forze dell'ordine

Il materiale

Hanno indagato per settimane e infine lo hanno scoperto in flagrante. I carabinieri del comando di Campagna Lupia hanno messo le manette ai polsi a un 58enne M.S., pregiudicato, a suo tempo collegato alla mala del Brenta con ruoli marginali.

Droga e bilancino

L'uomo è stato trovato in possesso, nel corso di una perquisizione domiciliare, di 4 grammi di cocaina già suddivisa in dosi e destinata al commercio, 28 grammi circa di sostanza “da taglio”, due bilancini di precisione, materiale vario per il confezionamento della droga e la somma in contanti di 3.500 euro ritenuta provento dello spaccio. 

Videosorveglianza

Scoperto anche un sistema di videosorveglianza che gli consentiva di monitorare, anche durante l’assenza da casa, l’ingresso alla sua abitazione e il transito di automezzi, anche l’eventuale arrivo delle forze dell’ordine. L’arrestato, come disposto dal pm Andrea Petroni, giovedì mattina è comparso davanti al giudice del tribunale di Venezia il quale, convalidato l’arresto, ha applicato all’indagato la misura dell’obbligo di firma giornaliero al comando dei carabinieri di Campagna Lupia in attesa dell’udienza processuale.

Potrebbe interessarti

  • Zenzero: è davvero un alleato per la nostra salute?

  • Temporali estivi: come proteggersi per evitare rischi

  • Festa del Redentore: i migliori punti da cui ammirare i fuochi

  • Forfora: da cosa è causata e come si combatte

I più letti della settimana

  • Auto contro un platano, morto un 28enne

  • La tragedia di Jesolo: quattro giovani vite spezzate, indagini su un presunto speronatore

  • Quattro giovani hanno perso la vita in un gravissimo incidente a Jesolo

  • I funerali di Eleonora, Leonardo, Riccardo e Giovanni allo stadio di Musile

  • Grandine come palline da ping pong, attimi di preoccupazione

  • Il papà di Giorgia, unica superstite nello schianto di Jesolo: «Come aver perso figli miei»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento