Malattie infettive, il primario: «In centro storico pazienti in età avanzata e sfida doppia»

«Siamo preoccupati in particolare per i nostri anziani. Rilanciamo l'appello: proteggiamo noi stessi, proteggiamo gli altri impedendo al virus di utilizzarci per diffondersi»

«Affrontiamo una sfida di vaste proporzioni, in entrambi gli ospedali, Venezia e Mestre - spiega il primario di Malattie Infettive dell'Ulss3, Sandro Panese -. E mentre a Mestre si dispiega lo sforzo di cura e di accoglienza al servizio dell'intero territorio provinciale, all'ospedale Civile di Venezia con i nostri operatori serviamo un territorio e una popolazione che di fronte al virus risulta ancora più debole». Il dottor Panese dirige una squadra che opera a Mestre, là dove si concentrano i numeri più importanti di ricoverati a seguito del contagio da coronavirus, e dove il reparto ha ampliato il suo raggio di azione, fino a sovrintendere, in collaborazione con gli pneumologi e gli internisti, a un numero di letti ben più ampio di quello ordinario. 

Gli specialisti di Malattie Infettive dell'Ulss3 presidiano l'emergenza all'ospedale Civile di Venezia, dove sono storicamente presenti, e dove oggi la loro capacità di intervento è particolarmente importante: «C'è una città intera, quella insulare, che per la sua conformazione sociale - spiega il dottor Panese - risulta essere particolarmente esposta ai rischi provocati dal contagio». La particolare debolezza di Venezia è legata all'alta età media dei cittadini. Il virus è più pericoloso per chi è debole e per chi è portatore di altre patologie, e gli anziani presentano normalmente queste due fragilità: sono deboli per via dell'età, e sono spesso malati, di ipertensione, di diabete, di patologie cardiorespiratorie».

Mentre a Mestre si è sviluppata un'importante sinergia con la Rianimazione e con altri reparti che si sono aperti ad accogliere il potenziamento dei posti letto dedicati ai malati di coronavirus, le stesse sinergie si verificano all'ospedale di Venezia: «Anche al Civile - spiega il primario - operano al nostro fianco altri due capisaldi del contrasto al contagio, e cioè il reparto di Terapia Intensiva, anche questo strutturato ed efficace, e il laboratorio di Microbiologia, in grado da subito di farsi carico dei test che verificano il contagio». 

Il Primario Panese rivolge parole molto chiare: «Mentre guardiamo a ciò che sta accadendo in aree colpite ancor più della nostra, dove le morti collegate al coronavirus si contano a decine, siamo preoccupati in particolare per i nostri anziani. Da qui, dalle aree di ricovero di Malattie Infettive di Mestre e di Venezia rilanciamo l'appello: proteggiamo noi stessi, proteggiamo i nostri anziani impedendo al virus di utilizzarci per diffondersi. Anche chi è giovane ed è sano resti a casa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi, giovedì 19 marzo, sono stati trasferiti all'ospedale Villa Salus sul Terraglio altri 6 pazienti affetti da Covid-19. Vanno ad aggiungersi ai quattro già accolti nella giornata di ieri, al terzo piano nel reparto di Medicina attrezzato a Malattie infettive. Anch'essi vengono trasferiti dall'ospedale dell'Angelo- Le operazioni di inserimento sono andate bene - sottolinea il primario dell'unità operativa Mauro Schiesaro - Le condizioni cliniche dei pazienti sono monitorate passo passo e questa prima notte è trascorsa senza problemi. Tutta l'equipe è mobilitata e pronta per ogni evenienza».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • Tuffo nell'acqua bassa a Jesolo, un ragazzo all'ospedale

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

  • Schianto tra due auto, morta un'anziana donna

  • Il giorno del Mose: alle 12.25 la Laguna è completamente isolata dal mare | DIRETTA

Torna su
VeneziaToday è in caricamento